13.9 C
Belluno
sabato, Novembre 28, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Dal Correr di Venezia al Fulcis di Belluno, un primo nucleo di...

Dal Correr di Venezia al Fulcis di Belluno, un primo nucleo di spade bellunesi è tornato a casa

Palazzo Fulcis, sede del Museo civico di Belluno

Belluno, 12 novembre 2020  –  Un pezzo dell’antica storia di Belluno è tornato in città. Questa mattina al Museo Fulcis sono arrivate le spade bellunesi concesse in comodato d’uso dal Museo Correr di Venezia. Ad accogliere l’arrivo delle casse contenenti i preziosi manufatti, l’assessore alla cultura del Comune Marco Perale, il curatore del Fulcis Carlo Cavalli, il direttore del Circolo cultura e stampa bellunese Luigino Boito, la stampa e diversi collaboratori del progetto Interreg “Klang – Spade di leoni e aquile”, progetto finanziato dall’UE, dal Fondo FESR e Interreg V-A Italia-Austria 2014-2020 e sospeso tra valorizzazione turistica, riscoperta storica e scientifica di un passato finora noto per lo
più agli addetti ai lavori.
Alle armi bianche, ventotto pezzi tra i quali schiavone, targhe e corsesche, verrà dedicata una sala al primo piano del museo civico, vicino alla stanza della collezione di Florio Miari e subito prima di quella con le teche dei gioielli antichi. “Insomma una zona che ospita nuclei collezionistici particolari – spiega Cavalli, il curatore -, e che ha a che fare con i metalli. L’allestimento non sarà pronto prima del prossimo anno però, ora le spade dovranno essere sottoposte ad un intervento di restauro: alcune sono in buono stato, altre presentano problemi di ossidazione e di patine dovute a vernici protettive. Gli anni di produzione sono compresi tra il 1500 e i primi del 1600”.
Le armi sono arrivate in città all’interno di casse trasportate dalla ditta Mtec Italia di Marghera. Le casse sono state portate nel chiostro e aperte, per mostrare alcuni pezzi alla stampa presente. E’ stata l’occasione per ripercorrere brevemente la storia della produzione nel Bellunese.
“All’inizio del Seicento la nostra provincia produceva un milione e 100 mila libbre di ferro, 500 libbre di ferro crudo e 50 tonnellate di acciaio – spiega il direttore del Circolo, promotore del progetto Klang e partner, Boito -. Con questo materiale si producevano 2000 spade per l’arsenale di Venezia e dal ferro crudo si ricavavano le palle di cannone, sempre destinate a Venezia. 72 mila spade, poi, 600 – 700 per dieci anni, sono state inviate nel mercato dell’Inghilterra e della Scozia.
Una massa enorme di un bene di altissima qualità. E’ stato il primo made in Italy bellunese, prima del gelato e dell’occhialeria”.
“Abbiamo ripreso i contatti con il polo museale veneziano e abbiamo ripreso il progetto di riportare a Belluno parte delle spade, dal momento in cui abbiamo avuto a disposizione questo straordinario museo che è Palazzo Fulcis – le parole dell’assessore Perale -, un degno contenitore per questi pezzi preziosi. Con tutti i partner di Klang, operatori tecnici, culturali, scientifici e comunicazionali, siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo di dotare il Museo di Belluno di un primo nucleo di spade, per ora 28 pezzi, che sono tipologicamente e cronologicamente diverse. Saranno un primo assaggio di quella che è stata per almeno tre secoli e mezzo una delle grandi industrie del Nord Italia. Belluno era un
proto-distretto industriale che ha prodotto spade grazie all’intera filiera dei metalli, grazie alle 20 fucine della Valbelluna e al carbone delle foreste del Cansiglio. La filiera si spingeva fino al Vittoriese e su fino a Maniago”.

Gianrodolfo Rotasso

Per saperne di più, l’articolo di Gianni Rotasso, esperto d’armi, già consulente del Museo di Castel Sant’Angelo a Roma

Share
- Advertisment -

Popolari

Pallavolo Belluno. Diego Poletto: «Non abbiamo mai staccato, ora alziamo la qualità»

La Pallavolo Belluno non si ferma. Anche se non esiste ancora una data precisa per l'esordio nella B maschile, la Da Rold Logistics non...

Webinar per genitori e insegnanti: primo appuntamento il 30 novembre

Tre incontri per genitori e insegnanti sull’impatto emotivo da covid su bambini e ragazzi organizzati dalla Psicologia Ospedaliera dell’Ulss Dolomiti. La pandemia, soprattutto in questa...

Situazione contagi nelle scuole: 39 classi in isolamento fiduciario

Belluno, 27 novembre 2020 -  Sono attualmente in carico al “Team scuola” del Dipartimento di Prevenzione della Ulss Dolomiti 91 classi della provincia così...

Scarica di sassi nella notte a Canal, attivata la richiesta di intervento di somma urgenza alla Provincia di Belluno

Feltre, 27 novembre 2020 - Nella notte si è verificato dal versante a nord dell'abitato di Canal (Feletre) il distacco di alcuni massi rocciosi che...
Share