13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 13, 2024
HomeCronaca/PoliticaSecondo blitz dell'orso in Val di Zoldo. A Solagnot saccheggiato un altro...

Secondo blitz dell’orso in Val di Zoldo. A Solagnot saccheggiato un altro apiario

Apiario saccheggiato dall’orso a Solagnot in Val di Zoldo

La Polizia Provinciale invita gli apicoltori ad adottare sistemi di prevenzione e vigilanza

Val di Zoldo, 18 maggio 2024 – Seconda passata in Val di Zoldo dell’orso che ha svuotato il miele saccheggiando un apiario. Dopo la scorpacciata di qualche giorno fa a Fornesighe, nella scorsa notte il plantigrado ha colpito un altro apiario, stavolta in località Solagnot.

Anche in questo caso, i danni per l’apicoltore sono ingenti: l’orso per raggiungere il miele ha distrutto le arnie, prendendo anche i fogli di cera e buona parte delle api e dei favi, che integrano la parte proteica della sua alimentazione.
La Polizia Provinciale è sul posto per gli accertamenti del caso, ed è già stato appurato che si tratta proprio dell’attacco di un orso, con ogni probabilità lo stesso che si era già manifestato in Val Zoldana qualche giorno fa. Gli agenti stanno cercando materiale biologico, che nel caso del passaggio a Fornesighe non era stato rinvenuto, anche a causa delle forti precipitazioni capitate durante e dopo l’incursione dell’orso.

Gli esperti faunistici della Polizia Provinciale rilevano che da tempo l’orso non si concentrava sugli apiari, come invece mostrano gli ultimi due episodi. E invitano gli apicoltori a mettere in atto tutte le azioni di vigilanza e prevenzione, come recinti elettrificati. Con una buona prevenzione – dicono gli agenti provinciali – si può scoraggiare subito l’orso, che in questi casi è un animale in transito.

La Polizia Provinciale continua anche l’installazione di fototrappole, per monitorare i movimenti e gli spostamenti dell’orso. E collabora attivamente al Progetto Lince Italia, piazzando sul territorio gli strumenti per rilevare i passaggi della fauna selvatica, orso in questo caso, ma anche lupo e altre specie.

- Advertisment -

Popolari