Thursday, 23 November 2017 - 17:04

Export. Paolo Candiago (Confindustria Belluno Dolomiti): “L’embargo russo colpisce anche il metalmeccanico”

Ott 1st, 2014 | By | Category: Lavoro Economia Turismo, Prima Pagina

Il presidente della Sezione Paolo Candiago: c’è un’ostilità crescente nei confronti dell’Unione europea, a rischio rapporti di collaborazione e di fiducia con i clienti russi costruiti nel tempo.

 

Paolo Candiago

Paolo Candiago

C’è forte preoccupazione, anche tra gli imprenditori metalmeccanici della provincia, per gli effetti della crisi tra Russia e Ucraina e delle relative misure decise da Mosca e Bruxelles: è a rischio un mercato in forte crescita, che per le aziende bellunesi vale complessivamente di oltre 57 milioni  di euro (+15,8% rispetto al 2012), pari all’1,9% del totale delle esportazioni provinciali. Il settore più esposto è l’occhialeria, che vanta la quota di export più significativa, seguito proprio dal metalmeccanico.

«Sbaglia chi crede che a pagare le conseguenze dell’embargo russo sia solo il settore agroalimentare – afferma Paolo Candiago, presidente della Sezione Metalmeccanici di Confindustria Belluno Dolomiti – perché sono tutte le esportazioni verso quel mercato ad essere a rischio. L’aspetto cruciale, spesso sottovalutato perché difficilmente misurabile, riguarda l’ostilità crescente nei confronti degli Stati dell’Unione europea. I rapporti di collaborazione e di fiducia con i clienti russi, costruiti faticosamente nel tempo dai nostri imprenditori, rischiano di essere compromessi da questa guerra commerciale. A trarre vantaggio da questa situazione sono così i nostri competitor di altri Paesi come la Turchia o la Cina, verso i quali i russi stanno già guardando con reciproco interesse. Le nostre aziende metal meccaniche, ma non solo, potrebbero perdere così quote di mercato, in un’area con prospettive di crescita a dir poco interessanti. Ciò avrebbe grave conseguenze anche dal punto di vista occupazionale, in un momento in cui il lavoro rappresenta la vera emergenza in Italia e in Europa». «Inoltre – aggiunge il presidente della Sezione Metalmeccanici di Confindustria Belluno Dolomiti – anche nei Paesi d’influenza russa, che possono rappresentare uno sbocco commerciale interessante e alternativo, si sta diffondendo un anti-europeismo che penalizza anche le aziende».

La questione delle ripercussioni della crisi ucraina sull’economia veneta è stata al centro dell’ultimo direttivo regionale dei metalmeccanici. «La posizione condivisa da tutte le sezioni provinciali – conclude Paolo Candiago – è quella già espressa dal presidente regionale Massimo Finco: chiediamo al Governo di non sottovalutare i contraccolpi commerciali per le aziende e quindi di mantenere un atteggiamento più autonomo e di maggiore equilibrio».

Sul tema dell’impatto della crisi ucraina sull’export era intervenuto anche il presidente di Confindustria Belluno Dolomiti Gian Domenico Cappallaro, confermando che «altri paesi extracomunitari si sono subito attivati con politiche commerciali aggressive per sottrarre clienti alle nostre aziende in un mercato importante e in continua crescita come quello russo»

 

 

Share

One comment
Leave a comment »

  1. Premesso che non vorrei Berlusconi nè come padre, né come nonno, né come genero, bisogna però ammettere che durante il suo governo aveva costruito e consolidato una serie di rapporti con gli stati fornitori di energia che ci avrebbero messo in sicurezza in caso di crisi mondiali come quella che ora stiamo vivendo.
    Ora invece riguardo la Libia, pur considerando la sua situazione esplosiva, abbiamo ceduto alla Francia la palma di interlocutore privilegiato.
    Per quanto concerne la Russia, persi i contatti personali con Putin, abbiamo attenuto il decremento se non l’annullamento di rapporti commerciali in quasi tutti i settori, come conferma Candiago, e in più siamo a rischio per le forniture di gas, dato il braccio di ferro con l’Ucraina.
    Tutta Europa soffre per questa situazione, ma noi siamo i soli ad avere una quasi totale dipendenza energetica dall’estero, con buona pace delle anime belle che plaudono alla decrescita felice.

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.