13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 31, 2024
HomeMeteo, natura, ambiente, animaliRipristino aree umide, al via il progetto "Restor BL"

Ripristino aree umide, al via il progetto “Restor BL”

Risorgive di Soccher (Ponte nelle Alpi)

La Provincia partecipa al bando Cariverona “Capitale Naturale” per le torbiere di Lac Torond e per le risorgive di Soccher

Ripristinare due importanti aree umide: questo l’obiettivo principale del progetto “Restor BL”, con cui la Provincia di Belluno partecipa al bando di Fondazione Cariverona “Capitale Naturale 2024”. Un gioco di squadra che vede come partner operativi i Comuni di Gosaldo (capofila), Voltago e Ponte nelle Alpi, e vale all’incirca 370mila euro (di cui circa 75mila euro di cofinanziamento dagli enti locali e dalla Provincia).

IL PROGETTO

“Restor BL” prevede alcune azioni dal forte taglio applicativo per il ripristino di due importanti complessi di zone umide e ambienti forestali che necessitano di interventi urgenti: si tratta di Lac Torond (area di torbiera tra Gosaldo e Voltago) e le risorgive di Soccher (Ponte nelle Alpi). L’obiettivo è quello di contribuire alla tutela e al ripristino della biodiversità, con particolare attenzione alle specie protette o minacciate e agli habitat di interesse comunitario. Gli interventi specifici serviranno anche per potenziare la connettività ecologica in aree protette e ambiti naturalistici di pregio che fanno parte della rete ecologica provinciale.

Va considerato infatti che le zone umide sono ecosistemi caratterizzati dalla presenza regolare o permanente di acqua, e in cui la vegetazione è composta prevalentemente da specie adattate all’allagamento: comprendono ambienti palustri, torbiere, praterie umide e piccoli corpi d’acqua. Tuttavia, le zone umide, estremamente fragili, sono considerate a forte rischio in tutto il mondo: più del 50% è andato perduto negli ultimi due secoli.

«È per questo motivo che abbiamo deciso di partecipare al progetto, per difendere alcuni ambienti di pregio del nostro territorio, e ringrazio gli uffici del settore Ambiente per essersi subito attivati» spiega il presidente della Provincia di Belluno. «La Provincia parteciperà in tutte le azioni del progetto, e gestirà insieme al Tesaf (Dipartimento territorio e sistemi agro forestali dell’Università di Padova) la preparazione di linee guida per la valutazione dell’impatto sulle zone umide di progetti in sede di valutazione di impatto e di incidenza ambientale, anche con iniziative di formazione per i tecnici comunali e i progettisti. Inoltre, metterà a disposizione anche il suo personale dei servizi Via ed Ecologia, a supporto dei Comuni».

TORBIERE AGORDINE

Capofila di “Restor BL” è il Comune di Gosaldo, dove insiste l’area più estesa del progetto (che riguarda in parte anche Voltago). Si tratta delle torbiere di Lac Torond e Bosco del Poi (tra Gosaldo e Voltago), che a seguito della tempesta Vaia e delle operazioni di recupero degli schianti sono state intaccate e danneggiate. Le soluzioni individuate vanno da alcuni piccoli scavi per mantenere il sistema idraulico di torbiera alla definizione di una strategia di gestione dell’ambiente forestale.

«Procederemo con la piantumazione di nuovi alberi a seguito dell’esbosco che sarà eseguito per mitigare il problema bostrico, dimostrando così una visione di ampia scala, dato che l’operazione in parte rientra nel progetto di ripristino del bosco del Poi, finanziato all’interno delle politiche della Fondazione Dolomiti Unesco» spiega il sindaco di Voltago. «L’allontanamento delle piante invasive sorte dopo Vaia completerà il piano, come Comune abbiamo proposto e collaboreremo con Provincia e Tesaf per la stesura delle linee guida di valutazione degli impatti ambientali, in particolar modo sulle procedure relative alle attività forestali di esbosco in zone di tutela ambientale. L’amministrazione, nonostante l’assenza della figura dell’agente di polizia locale e guardia boschiva, cerca di portare avanti anche il tema dei boschi, pilastro fondamentale della nostra montagna grazie all’impegno diretto ed operativo degli amministratori. In tal senso ringrazio il Comune di Gosaldo che ha scelto di fare da capofila in un momento storico non propriamente semplice per le amministrazioni locali».

«Siamo partiti dalle problematiche lasciate dalla tempesta Vaia e dalle conseguenze dei cantieri di esbosco, per intercettare un bando che ci consente di tutelare e sistemare un’area preziosa per la biodiversità» commenta il sindaco di Gosaldo. «Quelle finanziate per “Resto BL” sono risorse destinate a questo genere di operazioni, che non si sarebbero potute né avere né usare per altri scopi e che ci permetteranno di ripristinare una zona fortemente danneggiata. È per questo che ci siamo schierati come capofila del progetto. E in futuro, oltre a valorizzare un biotopo prezioso, intendiamo realizzare un sentiero ad anello con pannelli per spiegare a cittadini e turisti il valore dell’area umida di torbiera».

RISORGIVE DI SOCCHER

Un’altra linea di progetto riguarda invece Ponte nelle Alpi e più precisamente le risorgive di Soccher, un mosaico di ambienti umidi nell’area a ridosso del Piave ricchi di diversità faunistica e floristica (in particolare con la presenza di siti riproduttivi degli anfibi). Il sito è stato compromesso dalla costruzione di un canale per la sicurezza idraulica che collega il Cellina con il Piave, tanto da essere andato in secca. Tra le soluzioni individuate c’è la realizzazione di nuove pozze e il ripristino delle funzionalità idrauliche dell’area.

«Far parte del progetto “Capitale naturale” è per noi una grande opportunità» commenta il sindaco di Ponte nelle Alpi. «Le risorgive di Soccher sorgono in un ambiente unico, vicino al fiume Piave e caratterizzano la ciclabile Soverzene-Soccher».

- Advertisment -

Popolari