13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 3, 2022
Home Lavoro, Economia, Turismo Ristoranti chiusi, un danno enorme all'agricoltura bellunese. de Rocco (Coldiretti): "Bene l'asporto,...

Ristoranti chiusi, un danno enorme all’agricoltura bellunese. de Rocco (Coldiretti): “Bene l’asporto, ora si aprano gli agriturismo”

La chiusura forzata di bar, trattorie, ristoranti, pizzerie e agriturismi ha un effetto valanga anche sull’agroalimentare di casa nostra. Il valore dei mancati acquisti in cibi e bevande per la preparazione dei menu raggiungerà cifre importantissime, si stimano decine di milioni considerando anche la crisi della stagione turistica estiva.

“Non pensiamo poi alla partita del turismo quanto inciderà negativamente sul settore primario – aggiunge Alessandro de Rocco, presidente di Coldiretti Belluno – Il lungo periodo di chiusura sta pesando su molte imprese dell’agroalimentare made in Italy e made in Belluno, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura ma anche su salumi e formaggi di alta qualità che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco e sui quali gravano anche le difficoltà all’esportazione con molti Paesi stranieri che hanno adottato le stesse misure di blocco alla ristorazione”.

I dati nazionali sono chiari e tengono conto anche della capacità e possibilità di molte imprese agricole di portare a domicilio i prodotti: “Da quando è cominciata la pandemia in Italia il 57% delle aziende agricole ha registrato una diminuzione dell’attività – aggiunge Antonio Maria Ciri, direttore di Coldiretti Belluno – Una anticipazione dell’apertura è necessaria per gli agriturismi che, spesso situati in zone isolate della campagna in strutture familiari con un numero contenuto di posti letto e a tavola e con ampi spazi all’aperto, sono forse i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche. E ciò vale anche per molti ristoranti”.

L’appello è che questi luoghi possano tornare a vivere dai primi di maggio.

“Con l’arrivo della bella stagione sostenere il turismo in campagna significa anche evitare il pericoloso rischio di affollamenti al mare e anche per questo – sostiene De Rocco – le strutture agrituristiche devono poter ripartire all’inizio di maggio riaprendo i cancelli della fattorie bellunesi, i percorsi naturalistici e gli spazi a tavola dove assaggiare le specialità della tradizione contadina dell’enogastronomia di casa nostra”.
La spesa degli italiani per pranzi, cene, aperitivi e colazioni fuori casa prima dell’emergenza coronavirus – conclude la Coldiretti – era pari al 35% del totale dei consumi alimentari degli italiani per un valore di 85 miliardi di euro all’anno con un italiano su tre (37%) che abitualmente consuma a casa o al lavoro, i menu da asporto o per consegna a domicilio, preparati da ristoranti, pizzerie, fast food o agriturismi, secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

La Consulta e i vaccini * di Filiberto Dal Molin

Abbiamo avuto in questi giorni la ventura di sapere come si sono articolate le discussioni e le argomentazioni in tema di obbligo vaccinale anti...

Certificata la presenza della lontra europea in Comelico. De Bon: «Scoperta di grande rilievo. È una specie rara e un indicatore di eccellente qualità ambientale»

La lontra è tornata ad abitare il Bellunese. La scoperta è avvenuta attorno a metà novembre, grazie a una serie di ritrovamenti. L'animale, che...

Violenza sulle donne e lo scivolone della maggioranza * di Ilenia Bavasso

"Io so di non sapere". Ignoranza s. f. . – L’ignorare determinate cose, per non essersene mai occupato o per non averne avuto notizia: i....

Dalle grandi dimissioni all’abbandono silenzioso: le condizioni del lavoro nelle province di Belluno e Treviso

Ricerca della Cisl su un campione di 2.550 lavoratori e lavoratrici Un giovane su 6 ha cambiato lavoro nell'ultimo anno: 4.765 dimissioni volontarie nel primo...
Share