13.9 C
Belluno
domenica, Febbraio 28, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Una fattoria di capre da cashmere nello Zoldano. Marta Zampieri ha raccontato...

Una fattoria di capre da cashmere nello Zoldano. Marta Zampieri ha raccontato la sua esperienza all’incontro della Fidapa

Venerdì 30 novembre presso la Sala Muccin del Centro Giovanni XXIII si è svolto un altro incontro del progetto ‘Lavori al femminile’ promosso dalla F.I.D.A.P.A. Lo scopo dell’iniziativa è dar voce alla cultura femminile, promuovendo le esperienze e le professioni che si discostano dai lavori di genere usuali. Ieri Marta Zampieri, ingegnere idraulico originaria di Motta di Livenza, ha raccontato come le sue più grandi passioni per la montagna e per gli animali l’abbiano condotta a creare un allevamento di capre da cashmere a Cornigian, località posta a 4 km da Forno di Zoldo. Trasferitasi nel 1997, decide di comprare qualche esemplare di capra da cashmere da un’allevatrice della Toscana e, di lì a pochi anni, dà vita alla Fattoria Kornigian che oggi conta 54 capre da cashmere. Questa particolare razza è adatta alla vita di montagna e al suo clima rigido: vive a 1300 m di altitudine, non necessita di stalla ma vive all’aperto l’intero anno, ha esigenze semplici ed è molto socievole con l’uomo. Rappresenta, inoltre, un formidabile aiuto per la pulizia dei prati nel periodo dela fienagione, nutrendosi di fieno e di tutti gli arbusti che trova nel bosco. La capra da cashmere è una capra che non si tosa, ma si pettina in quanto il cashmere è costituito dal sottopelo dell’animale, che viene via a ciocche; ecco quindi che capre nere danno cashmere bianco o grigio e capre bianche danno cashmere beige. Seppur pregiato, però, il cashmere non è sufficiente a dar da vivere a Marta, infatti una capra produce in un anno soltanto 300 gr di cashmere grezzo (utile per filare una sciarpa). La Fattoria Kornigian conta, quindi, anche galline ovaiole, pecore alpagote, erbe officinali e piante di frutti di bosco con cui vengono preparati dolci e marmellate; mentre con il latte di capra viene fatto del sapone naturale. Marta confessa che se tornasse indietro farebbe l’ingegnere per hobby e l’allevatrice di professione, spiegando che per lei darsi alla natura significa vivere meglio e affrontare con forza le sfide di ogni giorno. Il suo invito, dunque, è di far conoscere anche alle generazioni più giovani una passione che può rivelarsi un’innovativa possibilità per il loro futuro.

Valentina De Nart

 

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

L’assessore Lanzarin risponde sui 52 milioni destinati alle Ulss venete, esclusa Belluno

Dopo le varie proteste per i mancati stanziamenti della Regione Veneto all'Ulss 1 Dolomiti (nulla dei 52 milioni), nell'ordine, quella del sindaco di Belluno...

Italia Polo Challenge. Questa mattina la sfilata in centro Cortina preceduti dai carabinieri a cavallo

Italia Polo Challenge, evento che conferma il polo ‘on snow’ tra gli appuntamenti sportivi più attesi di Cortina d’Ampezzo, prosegue, seppure a porte chiuse,...

Attraversamenti faunistici. De Bon: «Obiettivo sicurezza, per gli automobilisti e per gli animali»

Provincia di Belluno e Veneto Strade sono al lavoro per prevenire gli incidenti stradali che coinvolgono la fauna selvatica. Negli ultimi vent'anni infatti sono...

Il saluto al nuovo direttore generale dell’Ulss 1 Maria Grazia Carraro

L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della Provincia di Belluno dà il benvenuto alla dottoressa Maria Grazia Carraro, che per i prossimi 5 anni sarà...
Share