13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Cronaca/Politica In primavera via al recupero dei sentieri dismessi da Cusighe a Pian...

In primavera via al recupero dei sentieri dismessi da Cusighe a Pian di Vedoia. La progettazione costa 175mila euro! Più dell’importo dei lavori che arriva a 130mila euro. 170mila euro già finanziati dai Fondi europei Fas

Giorgio De Bona presidente Cmb

E’ stato presentato venerdì sera alla casa della Gioventù della parrocchia di Sargnano il Piano sulla sentieristica dolce in destra Piave. Tre percorsi su tre livelli, con una rete di 10 anelli, suddivisa in quattro settori geografici, con inizio lavori nella prossima primavera, come ha spiegato l’architetto Guido Fabbrica dello studio associato Fabbrica e Casanova. «Il monte Serva è stata una montagna importante nel Medio evo per la sua flora, documentata dagli studi del prof. Lasen e da un antico testo del 1500 redatto dai Frati di Vedana – ha detto Giorgio De Bona presidente della Comunità montana Bellunese Belluno Ponte nelle Alpi. – Il progetto mira a creare un’offerta turistica che rivaluti il Serva attraverso sentieri che siano serviti da servizi pubblici. Ed il primo stralcio da Pian di Vedoia a Cusighe ha già ottenuto il finanziamento europeo (Fas) di 170mila euro. Il costo dei lavori e delle forniture sono di 130mila euro. Quello che stupisce sono però i costi per il progetto, che arrivano a 175mila euro. Il tutto andrebbe ad inserirsi in un contesto più ampio, che vede nella zona delle ex pescherie la futura porta d’accesso del Parco nazionale delle Dolomiti bellunesi, dove la Provincia intende investire 1 milione di euro. «Per un totale complessivo di qualche milione di euro per il futuro turistico di Belluno» ha detto De Bona. I dettagli del piano di questa “mobilità dolce” con sentieri della percorrenza massima di tre ore, alla portata di tutti, sono stati illustrati dall’architetto Fabbrica. «Si punta innanzitutto al recupero dei sentieri dismessi» ha detto «che abbiano le caratteristiche di fruibilità per la grande utenza, separati dalla rete stradale ordinaria e che siano integrati dal servizio di trasporto pubblico locale ed ospitalità diffusa». La mappatura  dei percorsi è già stata fatta e sono stati identificati una ventina e più di percorsi già esistenti. La rete è stata quindi razionalizzata individuando 4 settori: quello a destra dell’Ardo a Tisoi e Bolzano bellunese; l’Oltrardo, Cavarzano, Sala; Fiammoi, Safforze; e Safforze, Pian di Vedoia. All’interno di questi settori sono stati tracciati 3 percorsi su tre livelli di quota articolati in 10 anelli. Un percorso più alto da Tisoi a Polpet, uno intermedio più paesaggistico da Tisoi a Sala, e uno più a sud da Tisoi a Pian di Vedoia. Nella mappatura sono stati identificati i tratti da realizzare ex novo, e quelli che necessitano solamente di  interventi di sistemazione. Il progetto prevede un totale di sei nodi attrezzati con parcheggi e un punto informativo, oltre a punti di soste attrezzati. «Il tracciato si innesta con il cammino delle Dolomiti e coinvolge i due Comuni di Belluno e Ponte nelle Alpi, requisiti necessari – ha spiegato Fabbrica – per accedere ai Fondi europei». Sono previsti solo 4 interventi strutturali a Pian di Vedoia, Rio Secco, e nelle tratte Safforze-Fiammoi e Sargnano-Pedeserva. Esiste, inoltre il progetto di un altro intervento di ripristino delle Fontane di Nogarè con percorso naturalistico, dell’importo di 155mila euro finanziati da Cariverona. E’ intervenuto anche l’assessore comunale Paolo Gamba, che ha parlato di portare a termine le piste ciclabili del Comune di Belluno, integrandole con i sentieri.

Share
- Advertisment -


Popolari

Zaia presenta la giunta al consiglio regionale: 60mila posti di lavoro a rischio. Questa sarà una legislatura sociale

Venezia, 21 ottobre 2020  “Lavoro, economia, occupazione e servizi sociali saranno, oltre alla sanità, la vera sfida per questa giunta. Una sfida che si...

Ultimissime dai carabinieri

I carabinieri di Cencenighe hanno denunciato per detenzione di sostanza stupefacenti due fratelli agordini di 24 e 25 anni. La perquisizione fatta nella giornata...

Confermata l’Ex tempore di scultura in centro Belluno

All’insegna della prudenza, con qualche doverosa rinuncia, lo svolgimento dell’Ex Tempore di Scultura su Legno è confermato. Consorzio e Amministrazione Comunale hanno condiviso l’opportunità di...

Chiuse le elementari di Cortina. Trasferiti 10 ospiti dal Centro servizi di Ponte nelle Alpi. Nuove modalità di accesso ai drive-in

Quattro maestre della scuola primaria "Duca d'Aosta" di Cortina d'Ampezzo sono risultate positive al covid, pertanto il sindaco Gianpietro Ghedina ha pubblicato oggi l'ordinanza...
Share