Saturday, 15 December 2018 - 21:21

Alzi la mano chi solo per un attimo ha creduto che davvero la bella Ruby era nipote di Mubarak. Il sacrificio dell’illustre avvocato Paniz all’Infedele di Lerner sulla 7 a sostenere l’incredibile tesi difensiva

Feb 21st, 2011 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

Questa sera, alla trasmissione L’Infedele condotta da Gad Lerner, abbiamo dovuto assistere alla replica dell’onorevole Maurizio Paniz in un “atto di fede al presidente Berlusconi”, volto a convincere il pubblico che il premier quella notte che telefonò alla Questura di Milano era convinto che la bella Ruby fosse la nipote dell’oramai ex presidente egiziano Mubarak. Gli avvocati, si sa, non possono scegliersi i clienti. E così, questa volta tocca all’onorevole Paniz, capogruppo Pdl in giunta per le autorizzazioni a procedere,  a dover sostenere la tesi difensiva secondo cui Ruby, per quanto ne sapeva Berlusconi, era la nipote Mubarak. Non ci crede nessuno, ma pare che l’ufficio legale del presidente del Consiglio non sia riuscito a trovare nulla di meglio.

Share

5 comments
Leave a comment »

  1. Non ci crede manco lui si vedeva chiaramente che recitava gli mancava solo il gobbo per leggere la parte come usa silvio

  2. Se nessuno poteva credere nemmeno per un istante che Ruby fosse davvero la nipote di Mubarak, come mai ci ha creduto Berlusconi? Si sentono le unghie sugli specchi fino qui…

  3. Questa è la bassezza di chi vuol difendere l’ indifendibile raccontando favole a cui non crede neanche lo stesso narratore veramente siamo caduti in basso

  4. È bello avere un onorevole bellunese che ha così a cuore le sorti dei bellunesi.

  5. Ma dai documenti consegnati dai giudici non è già emerso che fu proprio Berlusconi a suggerire a Ruby di dire di essere nipote di Mubarak per giustificare tutta la disponibilità di denaro, vale a dire 187.000 Euro in due mesi, che egli stesso le forniva?
    Perche, pervicacemente, continuare con la storia del possibile incidente diplomatico con l’Egitto?
    Paniz ieri sera ha voluto fare, ancora una volta, il primo della classe ma ai nostri occhi si è vieppiù coperto di ridicolo.