13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 20, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Commissariamento Arpav: pieno caos. La denuncia delle Rappresentanze sindacali

Commissariamento Arpav: pieno caos. La denuncia delle Rappresentanze sindacali

La sede Arpav di Belluno

Ente Regione, Presidente Zaia, Comitato d’Indirizzo, crediamo sia necessario ribadire
con chiarezza la nostra preoccupazione ed il nostro forte disagio per la situazione
creatasi in ARPAV da tempo ed oggi più che mai critica: scusate, ma così non va!
Ditecelo, una volta per tutte, che la tutela dell’ambiente per voi è solo una palla al
piede. Perché così non ha senso.
Il 13 gennaio 2021 il Direttore Generale di ARPAV, Luca Marchesi, è nominato capo
dell’Area Tutela e Sicurezza del Territorio della Regione Veneto.
Si era insediato 1 anno e 4 mesi prima, il 16 settembre 2019, assicurando almeno un
mandato (5 anni), meglio due (10 anni), per lavorare alla ricostruzione dell’immagine
e dell’accountability di ARPAV!
Ora resta come commissario ma con doppio incarico: quindi si potranno svolgere, se
tutto va bene, solo le attività essenziali.
E fra un paio di mesi altro cambio.
Il 1° gennaio 2021, solo 13 giorni prima, è entrata in vigore la più devastante delle
riorganizzazioni subite da ARPAV, voluta dallo stesso Marchesi.
Una riorganizzazione fatta con una fretta allora incomprensibile, in piena pandemia,
con tante belle parole, tanti show sui social, tante pacche sulle spalle, tanti inutili
gruppi di lavoro per fingere di ascoltarci.
Sono state compromesse cose che funzionavano, non sono state sistemate cose che
non funzionavano: noi abbiamo tentato di dirlo ma, lo sappiamo, secondo il CCNL i
lavoratori non hanno voce in capitolo su questi temi.
Una riorganizzazione di cui si capisce solo che il comando converge in pochi punti,
rendendo ARPAV più facilmente manovrabile dall’esterno.
Ora siamo per l’ennesima volta commissariati.
In pieno caos, nel momento più difficile, quando si deve passare dalle tabelline
colorate al mondo reale: mandare le persone in giro per il territorio, fare analisi
firmate non si sa da chi, elaborare dati, relazioni, pareri coordinandosi non si sa con
chi, riconfigurare sistemi informativi, accessi, permessi non si sa con quali nomi,
scrivere capitolati per attività strategiche non si sa come…
Non ne possiamo più.
È l’ennesima riorganizzazione fatta solo per smistare poltrone e alzare stipendi a
molti dirigenti, e far fare carriera all’ennesimo direttore che usa ARPAV come
sgabello.
Ma la Regione crede in ARPAV? Crede nella protezione dell’ambiente?
Negli anni l’ha definita “ente inutile”, l’ha messa in guerra fratricida contro la Sanità,
ne ha ridotto il finanziamento e il personale…
Ci sono persino consiglieri regionali che accusano chi lavora in ARPAV di essere
corrotto. Ma da chi, se sono loro che ci governano? L’hanno letta la legge istitutiva?
Dobbiamo difenderci da chi ci guida, perché tentiamo di difendere l’ambiente?
Marchesi, appena arrivato, ci disse che dovevamo fare noi lo sforzo di avere fiducia
in lui. Rispondemmo che di belle parole son pieni i fossi e che di fatti qui non se ne
sono mai visti. E che la fiducia se la devono conquistare loro: noi non la regaliamo
più.
Infatti, eccoci qua.
Ma ora almeno si capiscono molte cose.
Si capisce la fretta.
Si capisce come mai la direzione, sempre così presente e prolissa sui social, si sia ben
guardata dal difendere ARPAV dagli attacchi dell’ennesimo consigliere regionale
ignaro.
Avrà poi davvero tentato di risolvere l’annosa questione dei fondi, come promesso?
La Regione lo avrebbe nominato lo stesso? Mah.
Noi siamo stanchi di fare da agenzia di collocamento per dirigenti in carriera per cui
l’ambiente è l’ultimo dei pensieri.
Stanchi di direttori incapaci di proteggere l’ambiente, anche battendo i pugni sul
tavolo dei politici quando necessario.
Stanchi di vedere continuamente calpestati i nostri sforzi, le nostre professionalità, la
nostra dedizione a questo lavoro. E stanchi di vedere calpestato l’ambiente,
soprattutto.
A questo punto commissariateci permanentemente in una costante riorganizzazione,
fate prima e all’ambiente dedichiamo solo parole.

RSU – Rappresentanze Sindacali Unite di ARPAV

Share
- Advertisment -

Popolari

Temporali, vento e grandine da domenica pomeriggio

Venezia, 19 giugno 2021 - Il bollettino emesso dal Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto annuncia, per le prossime ore, tempo instabile in...

Tolti 4,6 miliardi per infrastrutture alle zone deboli. De Menech: «Tentativo di sottrarre risorse alla montagna. Non passerà in Parlamento»

«C'è un tentativo di sottrarre risorse alla montagna, alle aree interne e al sud. Grave il colpo di mano che ha tolto dal decreto...

Pubblicato dalla Regione l’elenco dei maestri artigiani: per Confartigianato Belluno c’è Antonio Da Ronch, restauratore

Antonio Da Ronch, titolare della Adr Restauri di Feltre, è il primo associato di Confartigianato Belluno a essere insignito della qualifica di maestro artigiano...

Malore mortale sotto il Rifugio 7mo Alpini

Belluno, 18 - 06 - 21 - Attorno alle 13.20 il Soccorso alpino di Belluno è stato allertato a seguito della chiamata della gestrice...
Share