13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 7, 2021
Home Cronaca/Politica Fondi al Tpl nel Decreto Ristori. De Carlo e Ciriani: “Salvato il...

Fondi al Tpl nel Decreto Ristori. De Carlo e Ciriani: “Salvato il rientro a scuola”

90 milioni di euro nel Decreto Ristori per un fondo destinato al sostegno del trasporto pubblico locale: questo il grande risultato ottenuto da Fratelli d’Italia, annunciato dai senatori Luca Ciriani e Luca De Carlo.

“Gli amministratori locali avranno così le risorse per poter stipulare convenzioni con aziende private, titolari di licenze per l’esercizio di taxi e per gli Ncc (Noleggio con conducente)” spiega Ciriani, capogruppo al Senato “Grazie a Fratelli d’Italia ci sono le risorse per consentire trasporti piú sicuri offrendo una duplice opportunità di rilancio e sostegno economico agli amministratori locali, ma anche alle aziende private di bus, ai tassisti e ai conducenti di Ncc che come tante altre categorie stanno soffrendo il peso economico della seconda ondata”.

Soddisfatto anche il collega e coordinatore veneto, Luca De Carlo, che pochi giorni fa aveva lanciato l’allarme relativo al trasporto scolastico in vista della ripresa delle lezioni a gennaio: “Abbiamo messo la prima pietra per garantire il trasporto a oltre 160mila studenti veneti: senza questi fondi e le convenzioni con i privati, di tutti i ragazzi destinati a tornare in aula il 7 gennaio la metà sarebbe rimasta appiedata. Con la certezza di queste risorse, che chiedevamo pochi giorni fa, ora le amministrazioni possono dare rassicurazioni alle aziende circa il ristoro economico. Non è però una cifra sufficiente per mettere in sicurezza il servizio a livello nazionale: basti pensare che il solo Veneto ha presentato un piano di revisione del tpl da 31 milioni di euro. Dopo questo primo segnale, il Governo trovi le risorse che servono per tutta la nazione; parliamo di circa altri 400 milioni”.

De Carlo e Ciriani confermano il loro giudizio severamente negativo nei confronti dell’esecutivo: “Dall’inizio di questa pandemia abbiamo denunciato l’impreparazione del Governo e la totale incapacità di programmazione, dalla riapertura delle scuole al sostegno al sistema turistico e dello sci. Alla prova dei fatti si è dimostrato fallimentare pensare di risolvere tutti i problemi imponendo un limite alla capienza, mentre bisognava dall’inizio lavorare a soluzioni che potenziassero l’offerta. Il gioco dello scaricabarile sugli enti locali e sui privati non è accettabile in questo lungo periodo di emergenza”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e sicurezza stradale. Belluno, Zoppè e Limana assegnatari di 384.640 euro

Belluno, Zoppè di Cadore e Limana sono i tre comuni del Bellunese tra i primi assegnatari dei fondi del Bando per l'efficientamento energetico. Secondo...

Fondo per i comprensori sciistici. De Carlo: “Soddisfatti, ma il provvedimento è troppo sbilanciato verso il Trentino Alto Adige”

“Abbiamo cercato di migliorare il Fondo per la montagna previsto dal Decreto Sostegni, provando a riequilibrare la ripartizione delle risorse su tutte le regioni,...

Fitoche, un progetto per salvare la montagna veneta, gli allevamenti e le produzioni

Il presidente Floriano De Franceschi: "un'iniziativa trasversale, con partner i cinque caseifici veneti di montagna, gli allevamenti ed il mondo della ricerca universitaria" Vicenza, 7...

Nuovo punto vaccinale a Sedico con Luxottica

Belluno, 7 maggio 2021 – L’Ulss Dolomiti, Comune di Sedico e Luxottica hanno definito congiuntamente un percorso collaborativo per attivare un nuovo Centro vaccinale...
Share