13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 3, 2022
Home Prima Pagina Due borse di studio in memoria dell'equipaggio di Falco

Due borse di studio in memoria dell’equipaggio di Falco

Consegna ricavato del libro nel 2019

Per ricordare gli amici Dario, Fabrizio, Marco e Stefano, Dolomiti Emergency Onlus, in collaborazione con il Suem 118 di Pieve di Cadore e il Corpo Nazionale Alpino e Speleologico – 2^ Zona Delegazione Dolomiti Bellunesi, ha deciso di intitolare due borse di studio alla memoria dell’equipaggio di Falco, a 11 anni dalla tragedia.

Era il primo pomeriggio del 22 agosto del 2009 quando l’elicottero, nel corso di una ricognizione su di una frana creatasi a seguito di violente precipitazioni abbattutesi a Rio Gere, si schiantò tra le rocce dopo aver urtato i cavi di una linea di media tensione. Morirono sul colpo Dario De Felip, 49 anni, pilota della ditta Inaer; Fabrizio Spaziani, 46 anni, medico del Suem 118, direttore della Scuola sanitaria del Soccorso alpino, volontario della Stazione Cnsas di Pieve di Cadore; Marco Zago, 42 anni, tecnico di bordo dell’Inaer e tecnico del Soccorso alpino della stazione Cnsas di Belluno; Stefano Da Forno, 40 anni, tecnico di elisoccorso, direttore della Scuola regionale del Soccorso alpino e tecnico della stazione Cnsas di Feltre.

«Il riconoscente ricordo di Dario, Fabrizio, Marco e Stefano è più che mai vivo in tutti noi», sottolinea Laura Menegus, presidente di Dolomiti Emergency. «L’idea di una borsa di studio rivolta a laureandi e dottorandi che vogliano avvicinarsi al mondo dell’elisoccorso e al Soccorso Alpino è stata di Fabio Bristot “Rufus” che, con Katia Tormen, ha scritto il racconto “Falco I-Rems”». Tormen e Bristot hanno devoluto a Dolomiti Emergency il ricavato del loro libro: un importo di 1.000 euro, a cui la Onlus presieduta da Menegus ne ha aggiunti altri 1.000, bandendo poi un concorso per l’assegnazione di n. 2 borse di studio a favore di laureati, studiosi, studenti, ricercatori degli Atenei italiani.

Il premio è riservato a quanti abbiano conseguito presso un qualsiasi Ateneo presente sul territorio italiano, con una tesi sull’argomento sulla soluzione alla problematica degli ostacoli al volo per la navigazione aerea anche a bassa quota, il titolo di studio: in uno dei corsi di laurea magistrali e magistrali a ciclo unico; in un dottorato di ricerca; in un master post laurea. In particolare, verranno informate: le Facoltà di Giurisprudenza che prevedono il corso di studi di diritto aeronautico o di diritto della navigazione; le Facoltà di Ingegneria aero-spaziale, meccanica, delle costruzioni; elettrotecnica; informatica.
«L’argomento dell’elisoccorso e degli ostacoli al volo fa da filo conduttore al libro “Falco I-Rems”, esplicitamente collegato a quanto accaduto alle pendici del Monte Cristallo», ricorda Menegus. «Il problema degli ostacoli al volo alla navigazione aerea è causa e intimo motivo per cui Tormen e Bristot hanno scritto il libro. E come Dolomiti Emergency siamo molto impegnati su questo fronte: basti ricordare che nel novembre 2018 abbiamo organizzato un convegno a Roma, alla Camera dei deputati, per fare appello alla politica affinché si arrivi alla promulgazione di una legge a livello nazionale».

La domanda di partecipazione al concorso deve essere trasmessa, a pena di esclusione,entro le ore 12.00 del 31 luglio 2021 a mezzo pec a dolomitiemergency@pec.it. L’importo del premio è di 1.000 euro per ciascuna borsa di studio. Il premio sarà assegnato in base al giudizio insindacabile espresso da una commissione composta da almeno tre membri e nominata dal Consiglio Direttivo di Dolomiti Emergency Onlus allo scadere della presentazione delle domande. Le/I candidate/i vincitrici/vincitori riceveranno comunicazione a mezzo di posta elettronica, all’indirizzo indicato nella domanda di partecipazione, del conferimento del premio e dell’eventuale data della cerimonia di consegna, alla quale sono tenute/i a partecipare.

L’esito della selezione sarà anche pubblicato sul sito web di Dolomiti Emergency Onlus. Sempre sul sito della Onlus (http://dolomitiemergency.it) è disponibile il bando con tutte le indicazioni e l’elenco della documentazione necessaria per partecipare.

Share
- Advertisment -

Popolari

La Consulta e i vaccini * di Filiberto Dal Molin

Abbiamo avuto in questi giorni la ventura di sapere come si sono articolate le discussioni e le argomentazioni in tema di obbligo vaccinale anti...

Certificata la presenza della lontra europea in Comelico. De Bon: «Scoperta di grande rilievo. È una specie rara e un indicatore di eccellente qualità ambientale»

La lontra è tornata ad abitare il Bellunese. La scoperta è avvenuta attorno a metà novembre, grazie a una serie di ritrovamenti. L'animale, che...

Violenza sulle donne e lo scivolone della maggioranza * di Ilenia Bavasso

"Io so di non sapere". Ignoranza s. f. . – L’ignorare determinate cose, per non essersene mai occupato o per non averne avuto notizia: i....

Dalle grandi dimissioni all’abbandono silenzioso: le condizioni del lavoro nelle province di Belluno e Treviso

Ricerca della Cisl su un campione di 2.550 lavoratori e lavoratrici Un giovane su 6 ha cambiato lavoro nell'ultimo anno: 4.765 dimissioni volontarie nel primo...
Share