13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 11, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo La Regione sigla l'accordo con Coldiretti. Sconcerto di Cia Veneto – Confagricoltura...

La Regione sigla l’accordo con Coldiretti. Sconcerto di Cia Veneto – Confagricoltura Veneto – Agri Veneto: “Non è una gara a essere i primi della classe”

Le associazioni agricole: «La Regione Veneto ha perso ruolo super partes, tanto più grave in un momento di crisi come questo»

Venezia, 15 aprile 2020 – «Stupisce e sconcerta la firma del patto annunciata dagli assessori regionali Giuseppe Pan ed Elena Donazzan con una delle associazioni del mondo agricolo per facilitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro».
Cia Agricoltori Italiani Veneto, Confagricoltura Veneto, Agri del Veneto esprimono tutto il loro disappunto dopo la comunicazione della firma, avvenuta oggi, con la sola Coldiretti, di un patto per agevolare il reclutamento di lavoratori stagionali.
«La Regione – dichiarano i rispettivi presidenti regionali Gianmichele Passarini, Lodovico Giustiniani e Doriano Annibale – ha perso la sua neutralità e il suo ruolo super partes, che dovrebbe essere garantito in ogni momento, ma soprattutto in questa fase di emergenza dovuta al coronavirus.
La mancanza della manodopera stagionale in agricoltura è conclamata, sono settimane che lanciamo l’allarme. L’idea di questo patto nel quale coinvolgere Veneto Lavoro è nata proprio in seno al Tavolo Verde al quale hanno partecipato tutte le associazioni; tutte hanno portato il proprio contributo, le proprie idee e messo a disposizione le rispettive strutture. Ma si vede che per la Regione questo non è importante: si firma con una parte sola e poi, con “magnanimità”, si assicura che si estenderà «l’accordo con la banca dati di Veneto Lavoro a tutte le organizzazioni del mondo agricolo». Ci spiace, ma non è un atteggiamento accettabile e corretto, non è una gara ad essere i primi della classe».
Cia, Confagricoltura e Agri del Veneto assicurano che continueranno a lavorare come prima e più di prima per cercare «soluzioni che vadano a vantaggio di tutti. Il nostro impegno è che nessuno resti indietro e che non ci siano agricoltori di serie A e di serie B». Ma certamente cambieranno i rapporti con la Regione Veneto, «la cui scelta di parte – concludono Passarini, Giustiniani e Annibale – non trova nessuna giustificazione se non
in un grave errore commesso nella concitazione di questo momento».

Share
- Advertisment -

Popolari

E’ morta Amalia, titolare del caffè Commercio per quasi 50 anni

Belluno, 11 aprile 2021 - E’ morta nella notte all’ospedale di Belluno dove era ricoverata da due mesi Amalia Zoldan, avrebbe compiuto 85 anni...

Dal 16 al 22 aprile statale chiusa a Gravazze per realizzazione sottopasso ciclabile

Santa Giustina - Inizieranno il 16 aprile i lavori per la realizzazione di un sottopasso ciclabile in località Gravazze, all’interno dell’importante opera inserita come...

Borgo Valbelluna: 31^ edizione del concorso letterario nazionale “Trichiana Paese del Libro”

L’Amministrazione comunale di Borgo Valbelluna ha reso pubblico il bando della 31^ edizione del Premio Letterario Nazionale “Trichiana Paese del Libro”, concorso per racconti...

La figura dell’OSSS, Operatore Socio Sanitario Specializzato, a metà tra OSS e infermiere * di Andrea Fiocco

Si fa sempre più pressante la richiesta da parte delle RSA di avviare la formazione dei cosiddetti OSS Specializzati o con formazione complementare, gli...
Share