13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 11, 2021
Home Prima Pagina Qualità dell'aria: a Belluno soluzioni e innovazioni per contrastare l'inquinamento atmosferico

Qualità dell’aria: a Belluno soluzioni e innovazioni per contrastare l’inquinamento atmosferico

Palazzo Piloni sede della Provincia

Belluno, 30 ottobre 2019 – Si è tenuto oggi a Belluno il convegno “Qualità dell’aria: gli attori, la normativa e le responsabilità sul territorio”, un’importante occasione di riflessione intorno al tema della qualità dell’aria nelle città.

L’incontro, avvenuto a Palazzo Piloni, sede della Provincia, organizzato da Assogasliquidi, l’Associazione di Federchimica che rappresenta il settore dei gas liquidi, Ancitel Energia e Ambiente e dal Consorzio Energia Veneto (CEV), insieme all’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Belluno e al Collegio Provinciale dei Geometri e Geometri Laureati di Belluno, con il patrocinio della Provincia di Belluno.

Il convegno è una delle tappe di un road show a livello nazionale, promosso da Assogasliquidi e Ancitel Energia e Ambiente, che ha l’obiettivo di sensibilizzare le amministrazioni locali sulla responsabilità degli Enti pubblici nell’assicurare ai cittadini una migliore qualità dell’aria e le possibili azioni per prevenire i rischi sulla salute e sull’ambiente, attraverso la promozione di fonti energetiche sostenibili.

“Ringrazio la Provincia di Belluno, il Consorzio Energia Veneto e AssogasLiquidi – Federchimica – ha spiegato Filippo Bernocchi, Presidente di Ancitel Energia e Ambiente – per l’importante iniziativa che ha permesso di affrontare il problema della qualità dell’aria con un approccio integrato, coinvolgendo gli enti locali che spesso non sono a conoscenza delle proprie responsabilità e delle opportunità legate all’utilizzo di GPL e GNL, attraverso sistemi off grid”.

Di recente è stato firmato dalla Presidenza del Consiglio, sei Ministeri, Regioni e Province autonome il “Piano d’azione per il miglioramento della qualità dell’aria”, che contiene misure relative ai tre settori che maggiormente sono causa degli alti livelli di inquinamento: trasporti, agricoltura e riscaldamento domestico a biomassa. Il peggioramento della qualità dell’aria insieme al cambiamento climatico dunque sono due fenomeni che da tempo sono oggetto di regolamentazioni sempre più stringenti e rappresentano temi centrali delle attuali politiche di Economia circolare relative all’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, che puntano ad applicare un nuovo modello di economia in grado di migliorare il benessere, aumentare l’occupazione, affrontare la crisi climatica e tutelare l’ambiente.

«Ringraziamo Assogasliquidi, Ancitel Energia e Ambiente e il Consorzio Energia Veneto per aver organizzato anche a Belluno una tappa degli incontri di sensibilizzazione sul tema della qualità dell’aria – ha detto Roberto Padrin, presidente della Provincia di Belluno -. È importante per le amministrazioni locali poter fare un gioco di squadra con i tecnici e gli esperti, in modo da garantire le azioni più funzionali al miglioramento della situazione ambientale. Tanto più in un territorio come quello bellunese, dove la qualità della vita è molto alta, anche grazie a una qualità dell’aria non paragonabile a quella di altri territori».

“Il tema della sostenibilità ambientale è il fulcro dei lavoro del Consorzio CEV – ha dichiarato Andrea Augusto Tasinato, Presidente Consorzio CEV -, infatti i servizi offerti ai nostri Soci sono improntati al risparmio e all’efficientamento energetico. Oggi abbiamo affrontato un aspetto molto importante per il futuro delle città e delle amministrazioni, dove proprio le realtà comunali devono e possono diventare protagoniste di un cambiamento green. Siamo responsabili di ciò che emettiamo nell’ambiente e l’aria che respiriamo è il risultato delle nostre azioni. Pertanto ogni attore coinvolto deve essere responsabilizzato per diventare consapevole e sensibile. Sono orgoglioso che il Consorzio CEV proceda in questa direzione da molti anni continuando a proporre modelli energetici sostenibili”.

“Il miglioramento della qualità dell’aria è sempre più centrale nelle agende dei Governi. Per raggiungere questo obiettivo, nel più breve tempo possibile, occorre puntare su soluzioni che già oggi ci possono aiutare nel raggiungere i target europei di decarbonizzaione e nel ridurre l’inquinamento atmosferico” – ha affermato Andrea Arzà, Presidente di Assogasliquidi, l’associazione di Federchimica che rappresenta il settore dei gas liquefatti. Tra queste, sicuramente GPL e GNL, grazie alle loro proprietà ecologiche dimostrate da sempre più numerosi studi scientifici, rappresentano un valido aiuto, riconosciuto anche a livello europeo, sul quale puntare per migliorare l’aria delle nostre città”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Meteo, criticità fino a martedì. Temporali e neve fino a 1000 metri. Pericolo valanghe

Venezia, 11 aprile 2021 - La perturbazione che sta interessando il Veneto ha spinto il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione a dichiarare...

Mortalità, covid, economia, politica * di Enzo De Biasi

Covid 19: Vaccinare tutti e presto, oltre che una protezione sanitaria, rappresenta il primo mattone vero per la ripresa economica. Draghi può procedere anche...

E’ morta Amalia, titolare del caffè Commercio per quasi 50 anni

Belluno, 11 aprile 2021 - E’ morta nella notte all’ospedale di Belluno dove era ricoverata da due mesi Amalia Zoldan, avrebbe compiuto 85 anni...

Dal 16 al 22 aprile statale chiusa a Gravazze per realizzazione sottopasso ciclabile

Santa Giustina - Inizieranno il 16 aprile i lavori per la realizzazione di un sottopasso ciclabile in località Gravazze, all’interno dell’importante opera inserita come...
Share