13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Cronaca/Politica Invito per un confronto sul futuro della Provincia al sottosegretario Bressa. Gian...

Invito per un confronto sul futuro della Provincia al sottosegretario Bressa. Gian Domenico Cappellaro: “Chiediamo un impegno concreto a favore del nostro territorio”

Gian Domenico Cappellaro presidente Confindustria Belluno Dolomiti
Gian Domenico Cappellaro presidente Confindustria Belluno Dolomiti

Belluno, 4 marzo 2014 – «Auspico che il nuovo sottosegretario agli Affari Regionali, Gianclaudio Bressa, incontri presto le categorie economiche, le organizzazioni sindacali e i rappresentanti istituzionali bellunesi che già si sono riuniti, su iniziativa dei sindaci e del Consorzio dei Comuni, per affrontare il problema del futuro della Provincia». Lo afferma il presidente di Confindustria Belluno Dolomiti, Gian Domenico Cappellaro, a seguito della nomina dell’ex sindaco di Belluno nella squadra di governo del premier Matteo Renzi.

«Il suo – afferma Cappellaro – non sarà un compito facile, perché dovrà mediare tra l’impulso innovatore del nuovo esecutivo, che mira a cancellare le Province, e le istanze dei territori come Belluno, che invece chiedono un ente di area vasta che possa gestire con efficacia ed efficienza le competenze che la Regione Veneto è pronta a trasferire in base all’articolo 15 dello Statuto regionale».

«Di positivo – aggiunge il presidente degli industriali bellunesi – c’è che Bressa, eletto a Bolzano, conosce bene sia le potenzialità dell’autonomia, sia il divario ingiustificato e non più tollerabile tra territori limitrofi e omogenei, divario che purtroppo rischia di accentuarsi con le ulteriori concessioni fatte alle Province Autonome e il contestuale svuotamento della Provincia di Belluno previsto dal disegno di legge Delrio. Da questo punto di vista, lo abbiamo già sottolineato, il generico riconoscimento della specificità delle aree montane è assolutamente insufficiente».

«All’ex sindaco di Belluno – prosegue Gian Domanico Cappellaro – chiediamo quindi un impegno concreto a favore del nostro territorio, la cui competitività economica dipende anche dal sistema di governance che sarà deciso da questo governo. La nostra posizione è nota. Auspichiamo una Provincia con una rappresentanza politica eletta direttamente dai cittadini, sulla base di un programma del quale sarà poi responsabile. Solo così sarà possibile gestire bene risorse e competenze, unico modo per ridurre il gap con le vicine realtà a statuto speciale. Di questo Bressa è consapevole e quindi siamo certi che con lui costruiremo un dialogo aperto e positivo nell’interesse dei bellunesi».

Share
- Advertisment -

Popolari

Campagna vaccinale Ulss Dolomiti: vaccinati il 92% degli ultraottantenni in Provincia

Belluno, 19 aprile 2021 - Si è conclusa nel pomeriggio l'ultima giornata di accesso libero per gli over 80 a Tai di Cadore, con...

Sopralluogo alla frana di Valle di Cadore. Bortoluzzi: «Studiamo la situazione geologica per ipotizzare gli interventi più funzionali»

I tecnici incaricati dalla Provincia di Belluno hanno effettuato una serie di sopralluoghi a Valle di Cadore, lungo il versante sotto l'abitato di Costa...

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...
Share