13.9 C
Belluno
domenica, Ottobre 25, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Dolomiti contemporanee: secondo opening estivo del Blocco di Taibon sabato scorso alla...

Dolomiti contemporanee: secondo opening estivo del Blocco di Taibon sabato scorso alla fabbrica ex-Visibilia

Ad una settimana di distanza dall’apertura del Nuovo Spazio espositivo di Casso, che lo scorso week-end ha portato 800 persone sullo Spalto al Bilico, Dolomiti Contemporanee ha inaugurato sabato il secondo ciclo espositivo nella fabbrica riattivata di Taibon Agordino, con sette nuove mostre e una performance.

Molti dei 35 artisti che hanno costruito le proprie opere nel periodo in Residenza erano presenti, insieme a curatori e galleristi. La fabbrica continua ad essere un centro di incontri, scambi, azione e conoscenza.

L’esperienza di Taibon, con questo grande laboratorio e cantiere creativo, una macchina di ricezione/comunicazione attrezzata al Campo Base di un territorio verticale, sotto alle cime, da due mesi l’opposto di una stazione di contemplazione, è invece aperta palestra sperimentale d’esplorazioni e interazioni estetiche psicologiche etologiche sociali umane, in cui si ribaltano gli stereotipi su natura e paesaggio.

Quest’esperienza non ha portato a realizzare 7 singole mostre negli spazi industriali riadattati.

Si è piuttosto creato un disegno, i progetti espositivi si sono combinati tra loro, progetti organici, attraverso le interazioni tra gli artisti, le interazioni con l’ambiente/natura/paesaggio/contesto, le interazioni tra il dispositivo DC Next e la comunità. Il lavoro di ricognizione ha prodotto idee e riflessioni e immagini e manufatti, plasmati o assemblati grazie all’attivazione della rete delle relazioni attive produttive. Un cantiere totale, nel quale i materiali si sono trasformati, formalizzando pensieri e impressioni.

Valentina Bonomo, della GalleriaValentina Bonomo Roma, era presente, insieme a Giuseppe Caccavale, che ha condotto il workshop insieme alle ragazze dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, e agli studenti locali. L’esito del workshop, incentrato sulla riformulazione di immagini-parola della montagna, paesaggi-parola, è ora visibile e consultabile, nell’APl 5, una delle sette mostre. Il soppalco dell’APL 4 ha accolto la bipersonale a cura di Galleria Jarach Venezia, il lavoro di Daniele Pezzi, un video girato a Mondeval, installato nell’allestimento aereo, e ai suoi piedi le sculture geometriche Andrea Dojmi.

La bianca ghiaia alluvionale dell’Agner campeggia lì accanto, 100 metri cubi di letto, un mare di pietra, e sopra la rossa palla di corda, con la quale Hubert Kostner ha rappresentato lo Spigolo Nord dell’Agner, con la Galleria Goethe Bolzano, DC e Salewa. Un impatto formidabile, la lingua di roccia fuori dalla fabbrica, un ‘installazione potente e istantanea.

Quindi “Abitanti, abitati”, la mostra collettiva curata da Stefano Coletto, in collaborazione con la Fondazione Bevilacqua La Masa, in particolare con i lavori costruiti appositamente a Taibon da Riccardi Banfi Teresa Cos Luigi Leaci, che han studiato e conosciuto luoghi e persone, ricavandone dei ritratti, musicali (la Taibonera), fotografivi, video.

La mostra di Riccardo Caldura, Futire, Landscape II, è il secondo passagio agordino del progetto gemellato Forte Marghera/Parco del Contemporaneo.

I fucili abbandonati a terra dagli alpini sono quanto resta della performance di Filippo Berta, Istruzioni d’uso, a cura di Daniele Capra, che ha trattenuto oltre 250 persone per 25 minuti nell’APL 9, mentre si assisteva alla danza degli M1.

E quindi la collettiva “e l’uomo non è una felce”, a cura di Gianluca D’Incà Levis, nella quale campeggiano i due volumi principali, costruiti durante la Residenza: il masso di 3.000 kg., scavato ad accogliere l’acqua che filtra dal tetto, di Giorgia Severi, e il Kong Plastic Evolution di Gino Blanc, gigantesca scimmia che non è una scimmia, la lingua tagliata, inchiodata su un asse accanto.

Nella serata del 22 c’è stata anche la musica di Superegos vs. Lorenzo Commisso, nell’APL 2, accanto al Next-bar, e nel crepuscolo, tra le luci i suoni, la fabbrica accesa a brillanza nel fuoco nero della notte, e vicino, le vacche, a scampanare, erba e buio, autentico buio di campagna.

Ora la gente viene, numerosa, a Taibon come a Casso, anche lì la fabbrica si rendeva e pulsava, e questi due flussi sono uno solo, e non lo fermiamo, perché l’uomo non è una felce.

 

 

 

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...

Agricoltura di montagna. Dorfmann: aumenta il livello di protezione, maggiori aiuti alle aziende costituite da giovani

Si è chiusa con il voto di approvazione di ieri sera la quattro giorni che al Parlamento Europeo ha visto in discussione uno dei...
Share