13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Cronaca/Politica Recuperati gli alpinisti sulla via dell'Ideale

Recuperati gli alpinisti sulla via dell’Ideale

Sono stati recuperati i due alpinisti italiani (dei quali al momento non sono note le generalità), rimasti bloccati sulla via dell’Ideale in Marmolada. Questa mattina, vista l’impossibilità per l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore di effettuare il recupero, 13 tecnici del Soccorso alpino, impegnati fino a poco prima nella ricerca di Luigi Arman, sono stati elitrasportati fino a Punta Rocca (3.260 metri) Da lì, hanno attrezzato gli ancoraggi e in 2 si sono calati su una corda di 400 metri a raggiungere i due scalatori,  distanti l’uno dall’altro circa 75 metri, il primo 300 metri sotto la cima. Uno dei due tecnici si è fermato con il primo alpinista, infortunato alla spalla, l’altro è sceso, fino a raggiungere il compagno di cordata. Successivamente soccorritore e rocciatore più bassi sono saliti fino dagli altri due. Purtroppo, per problemi dovuti alla portanza del mezzo, malgrado diversi tentativi di avvicinarsi alla parete con un gancio baricentrico di 50 metri, l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore non è riuscito ad effettuare il recupero. Allora una prima coppia, soccorritore-alpinista, è stata sollevata con un argano a motore, fino alla cima, dalle squadre ferme sopra, 220 metri più in alto. Attorno alle 18, è intervenuto infine l’elicottero dell’Aiut Alpine Dolomites, che si è potuto avvicinare ai due rimasti in parete, per recuperarli utilizzando un gancio baricentrico. Entrambi gli alpinisti sono quindi stati trasportati a malga Ciapela, dove aspettava un’ambulanza. Le squadre a Punta Rocca sono potute scendere velocemente, grazie alla società Funivie Marmolada, che ha fatto rimanere apposta il personale degli impianti oltre l’orario di chiusura, alle 16.10.
Non hanno avuto purtroppo esito positivo le ricerche di Luigi Arman, 64 anni, di Bolzano, scomparso da una settimana nel gruppo della Marmolada. Inutili i sopralluoghi portati a termine da una sessantina di soccorritori in giornata tra Padon e Marmolada. Nulla di nuovo è emerso sulla scomparsa dell’uomo. Il Soccorso alpino riprenderà la ricerca qualora dovessero arrivare nuove segnalazioni o indicazioni che permettano di restringere l’area di indagine.

Share
- Advertisment -


Popolari

Elisoccorso. Azienda Zero vince il ricorso al Tar, Elifriulia condannata al pagamento delle spese processuali

Con sentenza n.102 pubblicata il 13 ottobre 2020 il Tribunale amministrativo regionale del Veneto ha respinto per inammissibilità e per infondatezza il ricorso promosso...

Emergenza Covid, le direttive della Prefettura

Si è tenuta ieri 19 ottobre 2020, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana...

Confcooperative Belluno e Treviso: i prodotti delle coop agroalimentari aiutano le famiglie bellunesi in difficoltà

L’associazione di categoria ha sposato il progetto “La povertà a casa nostra”, promosso da Insieme si può, in occasione di Scoop!: durante la festa...

Treviso nega il patrocinio al convegno di Crisanti. Zanoni: “Nello Zaiastan è vietato criticare il Doge”

Treviso, 20 ottobre 2020   "È vergognoso che la Giunta di Treviso ritiri il patrocinio a un convegno dell'Ateneo di Treviso sulla pandemia perché la...
Share