13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Cronaca/Politica Dopo le dimissioni di Campeol la Fondazione Dolomiti affida il coordinamento...

Dopo le dimissioni di Campeol la Fondazione Dolomiti affida il coordinamento fino al 31 dicembre a Cesare Lasen, Paola Matonti e Sergio Bergnach

Il consiglio di amministrazione della Fondazione Dolomiti-Dolomiten-Dolomites-Dolomitis Unesco, ha preso atto delle dimissioni con effetto immediato del segretario generale Giovanni Campeol del 24 agosto 2011, dovute al venir meno del rapporto fiduciario con il presidente della Fondazione a causa di divergenze nell’applicazione della strategia di gestione.  Considerato il momento particolarmente delicato, vale a dire nella fase finale di preparazione e di organizzazione della visita del verificatore incaricato da IUCN, dott. Greame Worboys, che guiderà l’ispezione che si terrà tra il 2 e l’8 ottobre 2011 – scrive in una nota il cda della Fondazione –  si rende necessario procedere con assoluta tempestività, ma anche con la doverosa ponderazione della situazione, a verificare le ragioni e le deduzioni che hanno portato il segretario generale a tale grave determinazione. Appare quindi doveroso – prosegue la nota –  procedere ad una immediata soluzione al fine di assicurare continuità e piena operatività della Fondazione e della rete istituzionale e scientifica per il completamento e l’implementazione delle attività in essere necessarie a garantire il buon svolgimento della visita ispettiva di ottobre.

Il Consiglio di Amministrazione ritiene necessario promuovere un confronto diretto con il prof. Giovanni Campeol al fine di chiarire con grande serenità la portata della sua decisione.
In questo quadro e considerando la situazione di urgenza sopra illustrata, i poteri in capo al segretario passano come da Statuto in capo al Presidente e al CdA della Fondazione e al fine di affrontare questa fase interlocutoria e prodromica all’ispezione del rappresentante IUCN, nonché ad altri adempimenti, il CdA decide di affiancare all’organo amministrativo  un’unità di coordinamento tecnico-amministrativo.
Tale unità sarà costituita dalla dott.ssa Paola Matonti già coordinatrice del gruppo tecnico che ha seguito l’iter di candidatura fino al riconoscimento del Comitato UNESCO, dal dott. Cesare Lasen membro  del Comitato scientifico e dall’arch. Sergio Bergnach in rappresentanza del Comitato dei tecnici delle cinque Province e delle due Regioni.
La predetta unità di coordinamento svolgerà in via temporanea le funzioni tecnico organizzative necessarie a garantire la piena operatività della Fondazione, con particolare riguardo alla programmazione della visita ispettiva, secondo le modalità che saranno definite dal Consiglio di Amministrazione. L’unità di coordinamento sarà attiva fino alla nuova piena operatività del Segreteria generale comunque al massimo fino al 31 dicembre 2011.

Share
- Advertisment -


Popolari

Elisoccorso. Azienda Zero vince il ricorso al Tar, Elifriulia condannata al pagamento delle spese processuali

Con sentenza n.102 pubblicata il 13 ottobre 2020 il Tribunale amministrativo regionale del Veneto ha respinto per inammissibilità e per infondatezza il ricorso promosso...

Emergenza Covid, le direttive della Prefettura

Si è tenuta ieri 19 ottobre 2020, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana...

Confcooperative Belluno e Treviso: i prodotti delle coop agroalimentari aiutano le famiglie bellunesi in difficoltà

L’associazione di categoria ha sposato il progetto “La povertà a casa nostra”, promosso da Insieme si può, in occasione di Scoop!: durante la festa...

Treviso nega il patrocinio al convegno di Crisanti. Zanoni: “Nello Zaiastan è vietato criticare il Doge”

Treviso, 20 ottobre 2020   "È vergognoso che la Giunta di Treviso ritiri il patrocinio a un convegno dell'Ateneo di Treviso sulla pandemia perché la...
Share