13.9 C
Belluno
domenica, Settembre 20, 2020
Home Cronaca/Politica A Venezia Fiere l' Ecomuseo della Grande Guerra e il Museo della...

A Venezia Fiere l’ Ecomuseo della Grande Guerra e il Museo della bicicletta di Cesiomaggiore

Con l’ Ecomuseo della Grande Guerra e le “biciclette divine” di Sergio Sanvido (nella foto), la Provincia di Belluno sarà protagonista alla XIV edizione del “Salone dei beni e della attività culturali”, evento che andrà in scena dal 2 al 4 dicembrea Venezia Fiere. Il primo contributo provinciale, che verrà presentato giovedì 2 dicembre 15 presso lo spazio espositivo della Regione Veneto (stazione marittima, terminal passeggeri, padiglione 108 B) è costituita dal portale www.ecomuseograndeguerra.it, realizzato nell’ambito del progetto tra le Province di Treviso, Venezia, Vicenza e Belluno “I luoghi e le memorie della Grande Guerra nel Veneto” e finanziato dalla Regione Veneto. Suddiviso in tre grandi aree tematiche corrispondenti agli ecomusei della Grande Guerra delle “Prealpi Vicentine”, delle “Dolomiti Bellunesi”, e “Piave, Grappa, Montello”, il portale propone le schede dei musei e delle raccolte e, per ogni ecomuseo, una descrizione dei luoghi e territori più significativi, accompagnati da una scelta di proposte di itinerari. Il secondo contributo che sarà proposto al “Salone dei beni e della attività culturali” (4 dicembre, ore 10.30, presso lo spazio espositivo della Regione Veneto) a cura della Provincia di Belluno e, nello specifico, dal Museo etnografico di Seravella, sarà “Le biciclette sono una cosa divina. Sergio Sanvido e la sua collezione”. Si tratta di un film documentario, realizzato a cura dell’antropologa bellunese Jolanda Da Deppo e dal cineasta Michele Trentini, su Sergio Sanvido e il museo storico della bicicletta di Cesiomaggiore, che contiene una raccolta di oltre 200 modelli di bicicletta, il più antico dei quali è un celerifero del 1791. Il film-documentario su Sanvido fa parte di un più ampio lavoro relativo a “Gli oggetti e la vita: storie di collezionisti del Veneto”, progetto di documentazione messo a punto dal Museo etnografico e del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, con il coordinamento di Daniela Perco. Oltre a quella di Sanvido, sono state scelte altre due figure di collezionisti veneti: Giobatta Meneguzzo (Laboratorio per l’Arte Contenporanea – Museo Casabianca) e Carlo Etenli (Museo della Civiltà Contadina), entrambi della provincia di Vicenza.

Share
- Advertisment -



Popolari

Meteo. Instabilità da domenica, temporali da lunedì

Il Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto, alla luce delle previsioni meteo, ha emesso un avviso di criticità idrogeologica ed idraulica, decretando...

A Mauro Case il 1° premio per il concorso fotografico L’Antico Borgo ti fa il regalo

Pasta, focacce, una zucca, una bottiglia di vino, un libro, un buono per una cena, prodotti per la cura personale, una torta al cioccolato...

Scuola. Bilancio positivo del servizio autobus. Padrin: “Aggiorneremo i dati abbonamenti a fine mese”

Si chiude la prima settimana di scuola e il trasporto pubblico comincia ad andare a regime. Dolomitibus ha aggiunto 31 autobus alla flotta solitamente...

Furto di gasolio e spaccio di droga: 13 rinvii a giudizio

Tredici persone, residenti o domiciliate tra Belluno, Longarone, Alpago, Ponte nelle Alpi e Sedico sono state rinviate a giudizio per i reati di spaccio...
Share