13.9 C
Belluno
domenica, Novembre 29, 2020
Home Cronaca/Politica A Venezia Fiere l' Ecomuseo della Grande Guerra e il Museo della...

A Venezia Fiere l’ Ecomuseo della Grande Guerra e il Museo della bicicletta di Cesiomaggiore

Con l’ Ecomuseo della Grande Guerra e le “biciclette divine” di Sergio Sanvido (nella foto), la Provincia di Belluno sarà protagonista alla XIV edizione del “Salone dei beni e della attività culturali”, evento che andrà in scena dal 2 al 4 dicembrea Venezia Fiere. Il primo contributo provinciale, che verrà presentato giovedì 2 dicembre 15 presso lo spazio espositivo della Regione Veneto (stazione marittima, terminal passeggeri, padiglione 108 B) è costituita dal portale www.ecomuseograndeguerra.it, realizzato nell’ambito del progetto tra le Province di Treviso, Venezia, Vicenza e Belluno “I luoghi e le memorie della Grande Guerra nel Veneto” e finanziato dalla Regione Veneto. Suddiviso in tre grandi aree tematiche corrispondenti agli ecomusei della Grande Guerra delle “Prealpi Vicentine”, delle “Dolomiti Bellunesi”, e “Piave, Grappa, Montello”, il portale propone le schede dei musei e delle raccolte e, per ogni ecomuseo, una descrizione dei luoghi e territori più significativi, accompagnati da una scelta di proposte di itinerari. Il secondo contributo che sarà proposto al “Salone dei beni e della attività culturali” (4 dicembre, ore 10.30, presso lo spazio espositivo della Regione Veneto) a cura della Provincia di Belluno e, nello specifico, dal Museo etnografico di Seravella, sarà “Le biciclette sono una cosa divina. Sergio Sanvido e la sua collezione”. Si tratta di un film documentario, realizzato a cura dell’antropologa bellunese Jolanda Da Deppo e dal cineasta Michele Trentini, su Sergio Sanvido e il museo storico della bicicletta di Cesiomaggiore, che contiene una raccolta di oltre 200 modelli di bicicletta, il più antico dei quali è un celerifero del 1791. Il film-documentario su Sanvido fa parte di un più ampio lavoro relativo a “Gli oggetti e la vita: storie di collezionisti del Veneto”, progetto di documentazione messo a punto dal Museo etnografico e del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, con il coordinamento di Daniela Perco. Oltre a quella di Sanvido, sono state scelte altre due figure di collezionisti veneti: Giobatta Meneguzzo (Laboratorio per l’Arte Contenporanea – Museo Casabianca) e Carlo Etenli (Museo della Civiltà Contadina), entrambi della provincia di Vicenza.

Share
- Advertisment -

Popolari

Belluno, controlli anticovid del sabato sera. Assembramenti in via Sottocastello. Sanzionati due locali

Continuano in modo serrato i servizi straordinari interforze di controllo del territorio disposti in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica...

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. De Carlo: “Strategia contro il territorio che annulla ogni forma di rappresentanza”

“La proposta di centralizzazione delle concessioni idroelettriche avanzata dal Partito Democratico fa parte di una strategia contro il territorio che punta ad annullare ogni...

Idroelettrico. Bond (FI): «Il tentativo di romanizzare le grandi concessioni è scandaloso. Mi opporrò senza se e senza ma»

«Chi vuole riproporre la centralizzazione della gestione idroelettrica fa il male della montagna. Il tentativo di espropriare i territori delle loro ricchezze, in questo...

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. Bona: “Il governo punisce la montagna”

«Si è capito che questo governo ce l'ha con le regioni e con i territori periferici. Dopo il silenzio sull'autonomia, dopo i tentativi di...
Share