Friday, 23 August 2019 - 18:08
direttore responsabile Roberto De Nart

Delrio a Belluno. Bond: “Non ci sarò. E’ il solito pannicello caldo, mentre per Trento e Bolzano si studia una super-autonomia”

Dic 11th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore
Dario Bond, consigliere regionale Pdl

Dario Bond, consigliere regionale Pdl

“Venerdì non sarò presente all’incontro con il Ministro Delrio. Non si può venire nel Bellunese con il solito pannicello caldo, magari per proporre una provincia di Belluno di secondo grado che è niente in tutto, mentre per Bolzano e Trento il Governo sta blindando una super-specificità fiscale e contributiva. Non mi va di assistere all’ennesima presa in giro del nostro territorio”.

A dirlo è il capogruppo del Pdl in Consiglio regionale Dario Bond, in vista della trasferta bellunese del ministro Graziano Delrio programmata per venerdì pomeriggio a Belluno.

“Il mio è un messaggio di grande preoccupazione perché il nuovo provvedimento del Governo a favore del Trentino-Alto Adige va a sbilanciare ulteriormente i rapporti tra territori confinanti. Si va a creare una concorrenza ancora più sleale, del tutto simile a quella esercitata – anche recentemente – sul nostro territorio da parte dell’ Austria. Così si favorisce soltanto la delocalizzazione per disperazione delle nostre aziende: è un fatto intollerabile”.

“E tutto questo avverrebbe solo perché, dice qualcuno malignamente, ci sono dieci o undici voti che possono andare bene per la stabilità del Governo alla Camera come al Senato”, rimarca Bond.

“Venerdì quindi non ci sarò perché non voglio inserire elementi di tensione nel dibattito e rovinare la festa a quei colleghi che hanno organizzato l’evento. In punta di piedi faccio un passo indietro, ma non posso non denunciare questa situazione”, conclude il consigliere bellunese.

Share

8 comments
Leave a comment »

  1. facciamogli trovare le porte chiuse a questo ministro dei miei cordoni!!!

  2. DEl Rio avrebbe gia’ tentato il suicidio alla notizia

  3. “In punta di piedi faccio un passo indietro” !!!!
    Questa volta Bond si comporta da tipico bellunese: tuoni e fulmini a ciacole, lagnanze a manetta, ma quando c’è la vera occasione per dire le cose come stanno “meglio … non rovinare la festa.”
    Se pensa di rappresentare ancora i Bellunesi che venga e dire che non vogliamo un un “pannicello caldo” ma un autogoverno vero.

  4. intendiamoci: a me di Bond, 007 e Reolon non me ne frega niente.
    ma questo è l’atteggiamento giusto verso questo governo e questa italia ridicole.

  5. Via Bondo, Reolone e anche sto governo disgustoso!

  6. ovviamente i leccapiedi provinciali del PD gli faranno gli onori di casa, ancora inebriati dalle ridicole primarie.

  7. TRIESTE – Non è andato a buon fine il tentativo della maggioranza di centrosinistra in Consiglio regionale di aumentare l’indennità di trasferta e rimborso spese per le missioni della presidente della Regione Debora Serracchiani e della sua Giunta. Si trattava di un incremento di 30 mila euro inserito all’interno della Finanziaria 2014, al vaglio in questi giorni dell’Assemblea legislativa, ma stoppato di fatto da un emendamento del Movimento 5 Stelle.
    Come dice il gazzettino E’ il nuovo che pranza ah ah.

  8. Non andiamo fuori tema! Secondo me il PD si farà sentire!