13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeScuolaNon abbiamo un Pianeta B. Concluso il service del Rotary Club Belluno...

Non abbiamo un Pianeta B. Concluso il service del Rotary Club Belluno “AmbientiAMOci”

Si è conclusa la seconda annualità del percorso di alfabetizzazione climatica e attivazione ambientale rivolto alle scuole di ogni ordine e grado della provincia di Belluno realizzato dal team di facilitatori del Cantiere della Provvidenza e dell’Associazione Gruppi “Insieme si può…”.
L’azione rientra fra le attività del service AmbientiAMOci del Rotary Club di Belluno ed è sostenuto oltre che dallo stesso club anche dalle aziende sponsor Lattebusche, Manifattura Valcismon, Unifarco, Blackfin, Assicurazioni Generali filiale di Belluno. Contribuiscono alle attività i Rotary Club – Cadore Cortina e Feltre. Non abbiamo un pianeta B si è integrato inoltre nelle attività progettuali di “Generation for Regenration” del Comitato d’Intesa e sostenuto dalla Fondazione Cariverona.
I gruppi-classe coinvolti sono stati 14 nell’anno scolastico 22/23 – il primo dopo il periodo della pandemia Covid-19 per cui le attività extrascolastiche hanno avuto difficoltà a partire. Complessivamente circa 100 sono state le ore di attività scolastica. 5 le classi appartenenti alla scuola sec di II grado (Istituto ‘Della Lucia’ e Istituto Renier), 6 appartenenti alla scuola sec I grado (IC 3 ‘Zanon’, IC di Agordo e IC di Puos Alpago), 2 della scuola Primaria (IC Vittorino da Feltre) e 1 alla Scuola dell’Infanzia ‘Ing. De Conz’ di San Gregorio n. Alpi.
Gli incontri sono stati condotti con metodologie e setting diversificati, a partire dall’incontro ‘TESTA’, un incontro frontale in aula di carattere conoscitivo dedicato all’alfabetizzazione climatica e alla conoscenza di alcune storie di vita in condizioni di negazione di diritti umani, con conseguenze estremizzate dovute alle condizioni climatiche. Il secondo incontro ‘CUORE’ di natura emozionale, laddove possibile vissuto all’aperto, negli spazi verdi prossimi alle scuole, con protagonisti gli studenti, così come nell’incontro successivo – ‘MANI’ – dedicato alla progettazione di un’azione collettiva di responsabilità ambientale e alla stesura di un decalogo di buone pratiche a misura di singolo e di gruppo classe.
Lo sviluppo del percorso, per questa seconda edizione, si è arricchito un quarto incontro denominato ‘PIEDI’ dedicato a un tempo di verifica della effettiva messa in pratica dell’azione concreta e del decalogo definiti durante il terzo incontro.
Tra le azioni proposte dai ragazzi e effettivamente poi da loro realizzate, se ne segnalano alcune di significative e feconde, come l’organizzazione di lezioni di presentazione sul tema del cambiamento climatico e sulle relative possibili azioni virtuose, che in modalità peer to peer sono state destinate da alcuni studenti a loro compagni di scuola di altre classi che non avevano partecipato al progetto; la realizzazione e affissione di cartelloni–invito a mettere in atto alcune buone prassi quotidiane all’interno dell’edificio scolastico; è stata approfondita e divulgata una ricerca sull’ impatto ambientale delle spedizioni alpinistiche in Himalaya come paradigma della responsabilità ambientale nella pratica dello sport nella natura; l’organizzazione di una visita a una realtà del biologico con approfondimento sulla gestione integrata dell’apicoltura; la realizzazione di lavori e azioni, anche originali, di restituzione di quanto appreso nei più vari contesti.
La conclusione ufficiale è avvenuta il 9 giugno scorso in occasione del Meeting delle Scuole in Rete dedicato al tema della Sostenibilità con la partecipazione della Classe 3A della Scuola sec I grado ‘A. Pertile’ di Agordo e l’esposizione sul palco del Teatro Comunale di Belluno del loro progetto di peer education rivolto alle prime classi dello stesso istituto.
Vanno segnalate alcune iniziative che lo stesso team di facilitatori ha rivolto a realtà extrascolastiche, sia nell’accompagnamento di alcuni giovani provenienti da diversi Paesi dell’area mediterranea (Green Ambassadors) nell’attivazione sulle tematiche del cambiamento climatico, sia in eventi di sensibilizzazione e aggregazione su temi ambientali di gruppi e cittadinanza.

- Advertisment -

Popolari