13.9 C
Belluno
giovedì, Aprile 18, 2024
HomePrima PaginaProgetto università. Mercoledì nuovo sopralluogo con l’Ateneo di Verona

Progetto università. Mercoledì nuovo sopralluogo con l’Ateneo di Verona

Oscar De Pellegrin, sindaco di Belluno

Incontro con l’Università di Verona, mercoledì 8 marzo a Belluno. Il sopralluogo sarà finalizzato a verificare gli spazi di Palazzo Bembo e la loro idoneità. Saranno presenti il professore Matteo Cristani del Dipartimento di Informatica dell’ateneo veronese, il sindaco Oscar De Pellegrin, l’assessore alle politiche giovanili Roberta Olivotto, rappresentanti della Regione e di Confindustria, con cui il Comune condivide da tempo questo percorso.

“Stiamo lavorando da mesi all’ipotesi di portare un corso universitario nel capoluogo – annuncia il primo cittadino -, abbiamo avviato i contatti con l’università già in campagna elettorale perché crediamo fortemente nella possibilità di rendere Belluno città universitaria; ne beneficerebbe l’intera provincia e sarebbe una risposta importante, forse risolutiva, al problema dello spopolamento”.

L’incontro di mercoledì segue quelli delle scorse settimane, tutti finalizzati a trovare un accordo tra le esigenze dell’ateneo, le possibilità del territorio e le aree che il Comune destinerà all’iniziativa. In particolare mercoledì ci si concentrerà sugli spazi di Palazzo Bembo, per capire se corrispondono ai bisogni del corso triennale di informatica e come, eventualmente, armonizzare funzioni e servizi all’interno della struttura.

Roberta Olivotto, assessore alle Politiche giovanili del Comune di Belluno

Molte sono le condizioni da verificare: dalle superfici necessarie, alla gestione degli spazi, alla sostenibilità dell’iniziativa sia in merito al numero dei potenziali studenti sia per i costi relativi alle spese ordinarie.
“Questo comporta il fatto che l’intera città – precisa l’assessore Olivotto – risponda in modo adeguato, dato che i ragazzi chiederanno alloggi, spazi ricreativi e culturali, servizi per la ristorazione e per ogni altra necessità tipica degli studenti universitari fuori sede. Per questo chiediamo la collaborazione di tutti e coordineremo l’intera proposta”.

“Stiamo valutando anche la possibilità di concedere in forma gratuita le aule a fronte del pagamento delle sole spese di utilizzo – spiega De Pellegrin -. Parliamo di quattro o cinque aule per la didattica e di due per i laboratori, più la segreteria, aule studio, un magazzino e uno spazio ricreativo. La previsione è quella di 70 massimo 130 ragazzi ad anno, quindi a pieno regime potremo arrivare a quasi 400 studenti. Un bell’indotto per la città, ne cambierebbe il volto. Contiamo di attirare giovani a vivere qui anche dopo il percorso scolastico e di fermare nel territorio una parte dei nostri ragazzi, che potrebbero studiare vicino a casa”.

 

- Advertisment -

Popolari