13.9 C
Belluno
martedì, Febbraio 7, 2023
Home Cronaca/Politica Certificata la presenza della lontra europea in Comelico. De Bon: «Scoperta di grande...

Certificata la presenza della lontra europea in Comelico. De Bon: «Scoperta di grande rilievo. È una specie rara e un indicatore di eccellente qualità ambientale»

La lontra è tornata ad abitare il Bellunese. La scoperta è avvenuta attorno a metà novembre, grazie a una serie di ritrovamenti. L’animale, che si considerava estinto nel Bellunese almeno dagli anni Cinquanta-Sessanta, non è stato né visto né fotografato, ma ci sono evidenze della sua presenza. Lo hanno certificato gli esperti faunisti Michele Cassol, Gabriele De Nadai e Luca Lapini, con uno studio scientifico pubblicato pochi giorni fa.

«Una presenza che certifica una volta di più la grande qualità del nostro ambiente» il commento del consigliere provinciale delegato a caccia e pesca, Franco De Bon. «Stiamo assistendo a tanti ritorni di specie animali che non si vedevano da decenni sul nostro territorio, o che non erano mai stati visti. Dal lupo allo sciacallo d’orato, dalla puzzola alla lontra per l’appunto».

La lontra europea è un animale della famiglia dei mustelidi. Il maschio adulto può raggiungere i 60 centimetri di lunghezza (coda esclusa) e i 10-11 chilogrammi di peso. La presenza è stata certificata in Comelico, lungo l’asta del torrente Digon. Lo hanno spiegato oggi in conferenza stampa, nella sede della Provincia di Belluno, gli studiosi Cassol e De Nadai.

«Siamo partiti dai dati di presenza dell’animale raccolti nella zona di Tarvisio nel 2011 e dell’Alto Adige nel 2008. Nel 2019 erano stati trovati altri elementi che riconducevano alla presenza della lontra sul crinale tra Sappada e Forni Avoltri» la premessa di Michele Cassol. «Abbiamo quindi monitorato alcuni ponti, sotto i quali – se la lontra è presente – non è affatto insolito trovare escrementi. E il 12 novembre abbiamo rinvenuto alcune fatte che all’analisi di laboratorio sono risultate proprio di lontra. In questo modo abbiamo potuto certificarne la presenza».

L’animale non è stato avvistato: è difficilissimo da fotografare o incontrare. Si muove di notte per cacciare, si nutre di pesci o piccoli animali. Ma la particolarità è quella di produrre escrementi ricoperti di una specie di gel, che sono inequivocabilmente riconducibili alla lontra.

«Abbiamo raccolto alcuni campioni e l’analisi di laboratorio ha trovato resti di uova di trota Fario che è tra i cibi prediletti nella dieta della lontra – spiegano Cassol e De Nadai -. È la prova che in Comelico vive al momento una lontra. Si tratta di una scoperta di grande rilievo, perché nel Bellunese questo animale era scomparso».

La notizia della nuova scoperta non è un problema per i pescatori del Comelico, nonostante la lontra sia una temibile cacciatrice di pesci e fauna ittica. «Per noi è la dimostrazione del valore delle acque del nostro territorio» il commento di Ferdinando Gant, presidente del Bacino di pesca n.1. «L’area colpita da Vaia è stata distrutta, abbiamo perso il 94% della popolazione ittica. Ma con impegno e lavoro la stiamo ricostruendo. E la presenza della lontra è indicativa in tal senso».

Share
- Advertisment -

Popolari

Cultura e reunion dei Pooh, la giornata bellunese a Casa Sanremo

Red Canzian, Dodi Battaglia, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli. Di nuovo insieme per la prima serata di Festival, con un aneddoto tutto longaronese. Perché...

Il lupo della Sportful Dolomiti Race domani ulula a Casa Sanremo 

Domani la Sportful Dolomiti Race sbarca a "Casa Sanremo", l'area ospitalità della famosa manifestazione canora. Il ciclismo in provincia dii Belluno sarà l'argomento della trasmissione "Buongiorno Sanremo" di domani, mercoledì...

Successo per l’occhialeria veneta allo stand della Regione Veneto al Mido. Presenti 5 aziende bellunesi

A Mido la Regione del Veneto mette a disposizione di 5 aziende venete del settore dell'occhialeria uno spazio nel proprio stand regionale. La Regione del...

Interreg Italia-Austria. Conoscere la storia e i beni culturali nell’area Dolomiti live.

Il programma di febbraio nei musei cadorini è ricco e variegato: laboratori, dimostrazioni, concerti, escursioni consentiranno a bambini e adulti di imparare e approfondire...
Share