13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 25, 2022
Home Lettere Opinioni Welfare. Vignato: pronti per operare come una Azienda sociale

Welfare. Vignato: pronti per operare come una Azienda sociale

Giuseppe Vignato – Candidato sindaco al Comune di Belluno

Belluno, 10 giugno 2021 – “Dobbiamo farci trovare pronti in merito ai trasferimenti di competenze in tema sociale agli Ats, Ambiti territoriali sociali, con cui di fatto, secondo legge regionale, è richiesto ai comuni, e quindi anche al Comune di Belluno, di operare come una vera e propria Azienda Sociale, senza averne gli strumenti”.

Lo sostiene il candidato sindaco di Belluno Giuseppe Vignato a due giorni dal voto.

“Di questo – prosegue Vignato –  siamo consapevoli (anche il Comitato d’intesa e il mondo del Terzo settore ci ha messo in guardia su questo) e dobbiamo correre ai ripari. Come? Ad esempio promuovendo l’avvio della Consulta Terzo Settore e sperimentando nuove forme di assistenza pubblico/Terzo settore nel sociale. Ancora, supportando la ricerca di strumenti finanziari alternativi al pubblico e incentivando enti, cooperative e associazioni con formule gestionali efficaci nella gestione dell’Ats.

Più in generale sul welfare è necessario investire sui servizi a sostegno della natalità, dei neogenitori e delle famiglie oltre a favorire iniziative a favore delle famiglie con persone con disabilità. Questo serve a Belluno perché il Comune, in merito alle politiche di welfare, ha competenze notevoli che solo progettualità, autorevolezza e tavoli di concertazione possono garantire. Bisogna continuare ad assicurare e a rafforzare nuove forme di assistenza: dal co-housing – coabitazione solidale per persone svantaggiate – alla domotica, cioè tecnologie che consentano l’autosufficienza delle stesse. Bisogna poi supportare la ricerca di strumenti finanziari alternativi al pubblico e favorire la nascita di Centri per anziani autosufficienti in centro e nelle frazioni; per il contrasto alla povertà estrema e in aiuto a chi è senza dimora è in corso un’importante collaborazione con la Caritas per l’avvio di una struttura residenziale.

Ancora – conclude Vignato – si intende proseguire il dialogo strutturato in sinergia con le istituzioni scolastiche, l’azienda Ulss 1 Dolomiti e le associazioni attive del territorio per contrastare l’insorgenza dei comportamenti devianti, del disagio sociale e relazionale, la dispersione e l’abbandono scolastico dei più giovani”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Tutto quello che c’è da sapere sul Nevegal * di Jacopo Massaro

"Circa 20 giorni fa abbiamo ufficialmente portato a casa 300.000 euro da parte della Regione per lo sviluppo del Nevegal". Ne dà notizia Jacopo Massaro...

La Leggenda di Bassano, prima tappa

Dopo il ritrovo per le verifiche in Villa Ca’ Cornaro di questa mattina e un veloce brunch ad anticipare il saluto del presidente del...

Il sindaco di Belluno De Pellegrin ha consegnato copia della Costituzione ai neo diciottenni alla Sagra del Campanot

Ieri sera, giovedì 23 giugno, il sindaco Oscar De Pellegrin ha accolto l'invito della Pro Loco Pieve Castionese, impegnata nella sagra del Campanot. Come da...

Detenzione e spaccio di stupefacenti. Un ventenne agli arresti domiciliari

La sera di mercoledì 22 giugno, la Squadra Mobile e le Volanti della Questura di Belluno hanno arrestato un giovane per detenzione di stupefacenti...
Share