13.9 C
Belluno
lunedì, Febbraio 6, 2023
Home Lavoro, Economia, Turismo Regime forfettario: le novità per il 2022

Regime forfettario: le novità per il 2022

Secondo le ultime indiscrezioni, per il momento si allontana l’ipotesi di introdurre l’obbligatorietà della fattura elettronica per il regime forfettario.

Potrebbero però essere apportati dei correttivi per quanto riguarda i coefficienti di redditività.

Per come è attualmente strutturato, il forfettario è un regime fiscale agevolato destinato a tutti i contribuenti che, nell’anno precedente, hanno conseguito un compenso non superiore a 65.000 euro e sostenuto spese inferiori ai 20.000 euro lordi per lavoro dipendente, lavoro accessorio e compensi a collaboratori.

Rientrano anche quelle somme erogate sotto forma di utili da partecipazione agli associati e quelle versate per le prestazioni di lavoro fornite dallo stesso imprenditore o dai suoi familiari.

Dovrebbe restare invariato il tetto massimo di 65.000 euro di compensi o ricavi, con le aliquote per le nuove attività che oscillano tra il 5 ed il 15%.

Come si apprende dalla nota di aggiornamento del Documento di finanza pubblica, al vaglio c’è l’ipotesi di un nuovo regime biennale a beneficio delle persone che superano i 65.000 euro, entrando di fatto nella tassazione normale.

Volendo fare una panoramica generale della situazione, ad oggi sono circa 1,9 le partite IVA a regime forfettario, ognuna delle quali paga mediamente 1.730 euro di sostitutiva.

Come dimostrano i dati rilasciati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, si è registrato un notevole aumento di nuove partite IVA del 54,1% rispetto al secondo trimestre del 2020, arrivate a ben 147.153.

Tra queste 61.153 hanno aderito al forfettario. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha fatto sapere che, tra le nuove partite IVA, il 62,3% è composto da uomini, il 47,5% da giovani under 35 ed il 17,7% da persone nate all’estero.

Questo regime sta conquistando sempre più persone, in particolare imprenditori e professionisti, per i notevoli benefici garantiti. I requisiti per rientrare nel regime forfettario sono esposti in modo breve e immediato nel sito di Fatture in Cloud, l’azienda che mette a disposizione di freelance e PMI un software intuitivo e utile per gestire un’attività e snellire le pratiche amministrative che appesantiscono il carico lavorativo delle partite iva.

Per quanto riguarda l’ipotesi che la fattura elettronica potesse diventare obbligatoria anche per le partite IVA forfettarie dal 1° gennaio 2022, questa possibilità, almeno per il momento, sembra essere sfumata.

Inoltre, è stato sottolineato che l’obbligatorietà dell’e-fattura, al di sotto di una determinata soglia di guadagni, non è compatibile con le direttive dell’Unione europea.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Inaugurata Casa Sanremo, le Dolomiti Bellunesi iniziano con Amadeus la settimana di Festival

Da domani inizia la programmazione giornaliera, ospiti d'eccezione Loris Capirossi e Nicole Mazzocato Sanremo 5 febbraio 2023 -  Taglio del nastro con Amadeus. È stato...

Pallavolo Belluno. Da Rold Logistics abbonata al tie-break, ma l’epilogo sorride alla Geetit

DA ROLD LOGISTICS BELLUNO-GEETIT BOLOGNA 2-3 PARZIALI: 21-25, 25-22, 19-25, 25-21, 12-15. DA ROLD LOGISTICS BELLUNO: Maccabruni 3, Novello 10, Saibene 10, Graziani 17, Mozzato 12,...

De Bortoli (Azione Belluno) sull’autonomia: ma i bellunesi non sono ancora stanchi di proclami?

Lascia trasparire un certo disincanto il segretario provinciale di Azione dopo aver letto i toni entusiastici con cui è stato accolto sul territorio bellunese...

Calcio. Dolomiti Bellunesi buon punto a Cartigliano

CARTIGLIANO-DOLOMITI BELLUNESI 1-1 GOL: st 10' Corbanese, 15' Brugnolo. CARTIGLIANO: Chiarello, Pilotto, Stevanin, Boudraa, Miniati, Buson, Dixon, Brugnolo, Scapin (st 47' Griggio), Barzon (st 19' Di...
Share