13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 24, 2022
Home Cronaca/Politica Autonomia. De Menech: «La sfida demografica decisiva per riconoscere e valorizzare le...

Autonomia. De Menech: «La sfida demografica decisiva per riconoscere e valorizzare le differenze»

Roger De Menech, deputato

Roma, 26 maggio 2021  –  «La sfida demografica deve essere al centro delle iniziative collegate all’autonomia». Lo ha affermato il deputato bellunese Roger De Menech questa mattina in Commissione Federalismo fiscale della Camera nel corso dell’audizione della ministra per gli affari regionali Mariastella Gelmini.

«Se l’autonomia sarà lo strumento con cui riconosciamo e valorizziamo le differenze avremo centrato gli obiettivi di coesione nazionale, di giustizia sociale e avremo mezzi per rivitalizzare quelle zone d’Italia che stanno perdendo la linfa vitale dei giovani e dei talenti», ha detto De Menech. «Per questo il principio di autonomia deve essere riconosciuto prima ancora che alle regioni ai territori e sono i territori, le aree interne, ad avere più bisogno di strumenti concreti per mantenere e rafforzare i servizi. La popolazione non abbandona le zone che offrono servizi. Ma deve essere riconosciuto il principio delle differenze. Non solo tra nord e sud, ma anche tra centro e periferie, tra pianure e montagne e vale per tutto il paese, dal Piemonte alle isole. Anche all’interno delle regioni che hanno chiesto l’autonomia persistono sperequazioni considerevoli e dunque non possiamo permetterci di sostituire o, peggio, replicare, il centralismo statale con quello regionale».

«Un esempio concreto ci viene dalla gestione dell’emergenza Covid-19», ha detto il deputato. «Non è in discussione l’autonomia sanitaria delle regioni, ma è chiaro a tutti che dovremo introdurre il coordinamento delle politiche sanitarie perché altrimenti non risolveremo i gravi problemi riscontrati dalla sanità territoriale nell’ultimo anno e mezzo. Un altro cardine dovrà essere il potenziamento degli enti locali. La distribuzione delle risorse a Comuni e Province non può più essere fatta in maniera orizzontale con l’unico parametro del numero di abitanti ma, come è stato fatto nel 2020 e come si sta facendo nel 2021, includendo altri fattori, così da sostenere maggiormente chi è più debole».

«Il percorso per l’autonomia dei territori», conclude De Menech, «riprende il proprio cammino là dove si era interrotto: dalla legge quadro disegnata da Francesco Boccia. Il pregio di quel testo è di essere ‘inclusivo’ e di puntare alla perequazione e alla giustizia sociale. L’autonomia che serve all’Italia non è il mero trasferimento di poteri e di risorse, ma deve puntare a ridurre le disuguaglianze tra le aree più sviluppate e quelle più arretrate del paese e a offrire i servizi universali a tutti i cittadini, ovunque essi scelgano di vivere. È molto incoraggiante in tal senso il riconoscimento della ministra Mariastella Gelmini».

Share
- Advertisment -

Popolari

Oltre le vette – Metafore, uomini, luoghi della montagna. A Belluno dal 7 al 16 ottobre 2022

Oltre 40 eventi in calendario, per la prima volta la rassegna coinvolge i comuni di Alpago, Agordo, Cesiomaggiore, Sedico, Val di Zoldo Si svolgerà come di...

Addio all’Italia. Elena Da Ronch, ecco perché me ne vado. A 16 mesi dal vaccino gli effetti avversi non sono cessati

Belluno, 24 settembre 2022 - "Ho paura a rimanere qui, per questo ho deciso di andarmene"! E' quanto rivela Elena Da Ronch, tutt'oggi vittima degli...

Modena Motor Gallery 2022. Sabato e domenica la 10ma edizione

Una grande festa dei motori e non solo. Modena Motor Gallery 2022, l’edizione del decennale, in programma nei giorni 24 e 25 Settembre 2022, in...

No all’apertura anticipata della caccia. Il Tar del Veneto sospende il calendario venatorio

Il Tribunale amministrativo regionale del Veneto, con l’ordinanza n. 798/2022, ha disposto la sospensione del Calendario venatorio nella parte in cui prevede l’apertura della...
Share