13.9 C
Belluno
martedì, Aprile 20, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Decreto Sostegno: snello nelle modalità applicative, ma i contributi saranno sufficienti?  *...

Decreto Sostegno: snello nelle modalità applicative, ma i contributi saranno sufficienti?  * di Michela Marrone

Michela Marrone

Qualche riflessione da parte della nostra categoria sul tanto atteso “Decreto Sostegno”, approvato nei giorni scorsi, con il quale è stata disposta una serie di misure a supporto soprattutto degli operatori economici.

Sono stati previsti contributi a fondo perduto per circa 3 milioni di imprese e professionisti che nel 2020 hanno perso almeno il 30% del fatturato medio mensile rispetto al 2019, indipendentemente dai codici Ateco. Il mancato richiamo ai codici Ateco (ossia la famosa combinazione alfanumerica che individua il settore economico di appartenenza) è decisamente un elemento positivo perché consente potenzialmente di erogare i contributi a tutte le categorie economiche, ed è conseguentemente più equo e di più facile applicazione. Questa volta peraltro si applica anche ai professionisti che erano stati sostanzialmente esclusi la volta precedente
Un po’ deludente invece è, a conti fatti, l’ammontare del contributo che verrà materialmente erogato agli operatori economici, una fragile stampella, più elevato per i soggetti di minore dimensione per ridursi via via nelle aziende con fatturato maggiore.
Dal momento che il contributo andrà calcolato sul decremento del fatturato medio mensile 2020/2019, lo stesso andrà da un massimo del 5% a un minimo del 1,67% sul decremento del fatturato. Trattasi si percentuali quindi decisamente ridotte.
Con la perdita del fatturato di almeno il 30% rispetto al 2019, sarà comunque garantito un minimo di contributo di euro 1.000,00 alle imprese individuali e di euro 2.000,00 alle società.
Non resta quindi che aspettare l’apertura del portale per inoltrare la relativa richiesta.

Un’altra riflessione va fatta sulla prevista cancellazione delle cartelle esattoriali fino a 5.000 euro del periodo 2000-2010 per i soggetti con reddito inferiore a 30.000 euro. Trattasi di fatto di uno stralcio dei crediti inesigibili dallo Stato, relativo ad annualità già assoggettate ad altre misure agevolative, stralci e rateizzazioni ed evidentemente appartenenti a contribuenti irreperibili, forse ormai defunti, in pensioni, falliti e comunque riferiti ad una fascia reddituale medio bassa.
Si ritiene quindi che non possa definirsi un condono in senso stretto, ma piuttosto uno stralcio di crediti inesigibili che generano solo costi di gestione per l’agente della riscossione. Un vero condono sarebbe stato uno stralcio di ruoli ancora nei termini per la riscossione forzata.

Vanno inoltre segnalati, tra gli altri provvedimenti, la proroga del periodo sospensione del versamento di tutte le entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati, la proroga nel versamento delle rate da rottamazione e la definizione agevolata degli avvisi bonari sui periodi di imposta 2017 e 2018 per i soggetti che hanno subito un calo del fatturato.

Una menzione particolare merita infine l’istituzione del Fondo, destinato alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano, per la concessione di contributi a favore dei soggetti che esercitano attività d’impresa nei Comuni a vocazione montana appartenenti a comprensori sciistici. Trattasi di un provvedimento storico perché mai era stato previsto prima un ristoro così specifico per la montagna. Il timore è che, a detta degli operatori, lo stesso però possa risultare insufficiente perché non parametrato alle perdite di fatturato ma piuttosto sulle presenze turistiche, che non sempre rispecchiano le perdite in termini di mancati ricavi, spesso in costanza di sostenimento di costi fissi.

Dott.ssa Michela Marrone
Presidente Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili
Provincia di Belluno

Share
- Advertisment -

Popolari

Da lunedì tutti a scuola, didattica in presenza al 100%. Cna Bus Fita Veneto: i bus ci sono. Scopel: didattica al 75% con capienza...

Marghera, 20 aprile 2021. Sono 350 in Veneto le imprese che si occupano di trasporto di persone su gomma, iscritte nell'Albo Regionale, per un...

Lavoratori artigiani: se la cassa integrazione è pagata dal Fondo FSBA tramite Ebav, va scaricato il CU per fare la dichiarazione dei redditi

Cassa integrazione pagata dal Fondo FSBA tramite Ebav, i lavoratori e le lavoratrici si attrezzino per scaricare la Certificazione Unica necessaria per presentare la...

Dubbi sulle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026

Dopo le fanfare bipartisan che a Milano e Cortina hanno salutato la vittoria, per abbandono delle città concorrenti, per le Olimpiadi invernali del 2026,...

A marzo i consumi elettrici ritornano ai livelli pre-covid. Terna: Fabbisogno mensile in crescita: +2,5% sul 2019 e +15% rispetto al 2020

Roma, 20 aprile 2021 – A marzo, secondo i dati di Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale ad alta e altissima...
Share