13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 7, 2021
Home Cronaca/Politica Il maltempo provoca danni. Ma la coperta corta ne fa molti di...

Il maltempo provoca danni. Ma la coperta corta ne fa molti di più * di Roberto Padrin e Massimo Bortoluzzi

Roberto Padrin e Massimo Bortoluzzi

Belluno, 9 dicembre 2020  –  L’ennesima ondata di maltempo si sta concludendo. Adesso comincerà la conta dei danni. E sarà lunga, difficile, con numeri inimmaginabili. Tutto il territorio provinciale è stato pesantemente colpito. In quota la neve sta creando disagi. Pioggia e allagamenti hanno messo in ginocchio diverse frazioni e molte famiglie. L’immagine simbolo di questi giorni credo sia l’evacuazione della casa di riposo di Puos d’Alpago, allagata insieme al resto del paese.

Dopo la tempesta Vaia speravamo di non dover più vedere immagini di distruzione e danni. Invece il nostro territorio è costretto ancora una volta a dover affrontare giorni difficili. A una prima stima provvisoria risultano esserci oltre 100 frane ed episodi diffusi di dissesto idrogeologico. Diverse strade sono state interessate da rotture e smottamenti, su tutte quella che collega Longarone alla Val di Zoldo. Ma sono tante le aree della provincia rimaste isolate dal punto di vista elettrico e telefonico – alcune per poche ore, altre per più tempo – e tante quelle difficili da raggiungere. Neve più che abbondante e precipitazioni quasi da record hanno messo a nudo tutte le fragilità della nostra terra. I danni ci sono e sono frutto di un evento meteo ancora eccezionale.

Ma non possiamo attribuire ogni colpa al clima. Non sarebbe corretto.

Il problema parte da lontano e si può riassumere nella cosiddetta “coperta corta”. Quella per cui, comunque la si tiri, si rimane al freddo. Le risorse sono corte, quelle economiche e quelle di personale. Un solo esempio: fino al 2012 la Provincia riceveva dallo Stato 15 milioni di euro l’anno per la gestione della viabilità; poi quei trasferimenti sono stati via via diminuiti, fino ad azzerarsi completamente nel 2014, in concomitanza con la legge Delrio. Le spese per piano neve e manutenzione ordinaria però sono rimaste e dobbiamo fare di necessità virtù, attraverso risorse prese da altri capitoli. In pratica, tirando sempre di più la coperta. Ma qualcosa inevitabilmente rimane scoperto. Una volta tocca alla viabilità, una volta alla difesa del suolo, un’altra alla scuola, un’altra ancora alla cultura e allo sport. Lo stesso vediamo nel personale.

È la coperta corta che crea danni incalcolabili al nostro territorio. Come li crea e continuerà a crearli inevitabilmente a tutta la montagna, a meno che non si intervenga. Per questo crediamo sia arrivato il momento di avere leggi speciali per i territori come il nostro. Adesso o mai più. Serve un fondo per la montagna, strutturale e finanziato. Serve dotazione di personale. Bisogna ripristinare le vecchie Province, con capacità di manovra, e con una semplificazione vera e reale, che consenta di agire celermente per le manutenzioni del territorio, e che permetta la filiera corta nel dialogo istituzionale con gli enti di riferimento per i servizi (Enel, Terna, Telecom…). Insomma, serve una pianificazione per queste aree del Paese, splendide ma difficili.

Il presidente della Provincia
Roberto Padrin

Il consigliere delegato alla Protezione Civile
Massimo Bortoluzzi

Share
- Advertisment -

Popolari

Efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e sicurezza stradale. Belluno, Zoppè e Limana assegnatari di 384.640 euro

Belluno, Zoppè di Cadore e Limana sono i tre comuni del Bellunese tra i primi assegnatari dei fondi del Bando per l'efficientamento energetico. Secondo...

Fondo per i comprensori sciistici. De Carlo: “Soddisfatti, ma il provvedimento è troppo sbilanciato verso il Trentino Alto Adige”

“Abbiamo cercato di migliorare il Fondo per la montagna previsto dal Decreto Sostegni, provando a riequilibrare la ripartizione delle risorse su tutte le regioni,...

Fitoche, un progetto per salvare la montagna veneta, gli allevamenti e le produzioni

Il presidente Floriano De Franceschi: "un'iniziativa trasversale, con partner i cinque caseifici veneti di montagna, gli allevamenti ed il mondo della ricerca universitaria" Vicenza, 7...

Nuovo punto vaccinale a Sedico con Luxottica

Belluno, 7 maggio 2021 – L’Ulss Dolomiti, Comune di Sedico e Luxottica hanno definito congiuntamente un percorso collaborativo per attivare un nuovo Centro vaccinale...
Share