13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Cronaca/Politica Vaia, Il governo proroga i tempi dei lavori. De Menech: "La Regione...

Vaia, Il governo proroga i tempi dei lavori. De Menech: “La Regione avrà dodici mesi in più per completare le opere di ripristino”

Roma, 5 dicembre 2020  –  Due emendamenti al di disegno di legge 2779 di conversione del decreto 125/2020 ‘emergenze’ consentono di allungare di 12 mesi i tempi delle opere di ripristino nelle zone colpite dalla tempesta Vaia nell’ottobre 2018. La contabilità speciale e la relativa rendicontazione dei lavori è invece prorogata al 31 dicembre 2024.

Gli emendamenti sono stati approvati dal Parlamento nel decreto Covid. I provvedimenti sono stati sollecitati dai deputati del Partito Democratico, in particolare dagli esponenti veneti, coordinati dal deputato del PD Roger De Menech.

È stato un anno particolarmente difficile, spiega De Menech. «La proroga consentirà di proseguire i lavori allungando i tempi del cronoprogramma anche in conseguenza dell’emergenza Covid. Sarebbe stato impensabile concludere i lavori e la contabilità nei tempi stabiliti due anni fa», continua De Menech. «Lo abbiamo segnalato al governo chiedendo una proroga soprattutto per consentire all’ente attuatore, la Regione Veneto, di avere i tempi tecnici per portare a termine le opere di ripristino nel modo migliore. Il provvedimento consente di dare maggior tranquillità anche alle numerose imprese che in questi mesi hanno lavorato duramente per portare avanti al meglio i lavori e che hanno subito le limitazioni dovute alla pandemia da Covid19».

Per lo stato di emergenza, va ricordato, il governo ha stanziato un miliardo di euro, la maggioranza per i lavori nel Bellunese dove ancora oggi restano evidenti i segni lasciati dalla tempesta Vaia. Le restanti risorse sono per il Vicentino e il Veronese, zone colpite dagli eventi meteo dell’ottobre 2018. Le risorse statali sono gestite dalla Regione del Veneto.

Il tema degli investimenti sulla prevenzione del rischio idraulico, idrogeologico e del dissesto», conclude De Menech, «deve essere centrale nelle politiche sia a livello centrale che regionale. Il governo investirà con decisione per la lotta al cambiamento climatico che, nel corso del tempo, ha provocato fenomeni devastanti per il Paese come accaduto in Veneto e nel Bellunese con la tempesta Vaia. Un investimento fondamentale su cui lavoreremo grazie anche alle risorse derivanti dal Recovery Fund».

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share