13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Meteo, natura, ambiente, animali 48 ore di maltempo, massima criticità da sabato pomeriggio a domenica. Quota...

48 ore di maltempo, massima criticità da sabato pomeriggio a domenica. Quota neve 1200-1500 metri

Venezia, 4 dicembre 2020  –  Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile, alla luce delle previsioni meteo di ARPAV e dell’intensa ondata di maltempo in arrivo sul Veneto, ha emesso un avviso di criticità, valido fino alla mezzanotte di domenica, che eleva il livello di allerta a rosso (allarme) nel bacino del Piave Pedemontano, tra le province di Belluno e Treviso a partire dalle ore 14 di domani 5 dicembre fino alla mezzanotte di domenica, prima è da considerarsi arancione (preallarme). La criticità idraulica per il tratto di fiume Piave dello stesso bacino è da considerarsi arancione per tutta la validità dell’avviso.

Per quanto concerne i bacini dell’Alto Piave e Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone viene confermato lo stato di preallarme (allerta arancione) fino alla mezzanotte di domenica per criticità idrogeologica e lo stesso livello di allerta per criticità idraulica anche nel bacino del Livenza. Per il resto dei bacini resta lo stato di attenzione.

Le previsioni meteo indicano da oggi pomeriggio e nel fine settimana intenso e prolungato episodio sciroccale; previste precipitazioni estese e persistenti sulle zone montane e pedemontane con quantitativi molto abbondanti in particolare su Prealpi centro-orientali e Dolomiti; fenomeni di minore entità sulla pianura centro-meridionale. Limite delle nevicate in rialzo, specie sabato, fino a circa 1500-1800 m su Prealpi e intorno ai 1200-1500 m su Dolomiti. Le precipitazioni più consistenti saranno concentrate nella giornata di domani 5 dicembre e nelle 48 ore comprese tra il pomeriggio di oggi e quello di domenica 6 dicembre.

La fase più critica dell’evento sarà concentrata nelle 24 ore tra sabato pomeriggio e domenica pomeriggio.

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share