13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 13, 2021
Home Prima Pagina Avvio dell'anno scolastico: martedì 8 luglio un incontro in Provincia con presidi,...

Avvio dell’anno scolastico: martedì 8 luglio un incontro in Provincia con presidi, Ust e Dolomitibus. Bogana: «Stiamo preparando gli adeguamenti secondo le linee guida ministeriali»

La Provincia di Belluno è già all’opera per l’avvio del prossimo anno scolastico, che il Ministero ha previsto “in presenza”. Alla luce delle linee guida per la ripartenza a settembre, senza la didattica a distanza, gli uffici di Palazzo Piloni stanno effettuando le ricognizioni degli spazi negli edifici di proprietà. Le planimetrie dei singoli plessi – una quarantina quelli che ospitano le scuole superiori di Cadore, Bellunese e Feltrino – andranno incrociate con le dimensioni demografiche delle classi e con le misure anti-Covid. Nel frattempo, la Provincia ha già scritto a tutti i presidi per chiedere di rappresentare le esigenze di ogni scuola.

Amalia Serenella Bogana, vicepresidente della Provincia

«Non appena avremo la risposta da parte di tutti, potremo predisporre un elenco dettagliato degli spazi e delle esigenze, visto anche il numero di alunni per classe – spiega la consigliera provinciale delegata all’istruzione, Serenella Bogana -. Stiamo già preparando alcuni progetti fattibili e realizzabili entro il 30 ottobre, per piccoli adeguamenti funzionali ai bisogni della didattica in questa primissima fase post-Covid. Si tratterà per lo più di sdoppiamenti di aule, di spostamenti e poco altro; non grandi interventi strutturali, ma operazioni minime per gestire nel migliore dei modi il rientro sui banchi. L’idea sarà quella di rifunzionalizzare quelle aule e quegli spazi che oggi sono sottoutilizzati. Attendiamo però di ricevere risposta da parte dei presidi».

A tal proposito, la Provincia convocherà una conferenza di servizi con l’Ufficio Scolastico Territoriale, Dolomitibus e dirigenti scolastici, allargata anche ai sindaci che intendano partecipare. «Ci vedremo martedì 8 luglio, nel pomeriggio – conclude la consigliera Bogana -. Sarà fondamentale anche la presenza di Dolomitibus, perché quella del trasporto scolastico è l’altra questione cardine per la ripartenza della scuola. Come sarà fondamentale l’impegno da parte di tutti e una certa dose di pazienza: a settembre dovremo fare i conti con una situazione straordinaria, ma che prevediamo comunque di breve durata, nella certezza di tornare alla normalità molto presto».

Share
- Advertisment -

Popolari

Zero pazienti in terapia intensiva all’Ulss Dolomiti. Disattivata anche la geriatria covid al San Martino. Vaccini, superati i 100mila

Belluno, 12 maggio 2021 - Al momento non ci sono pazienti covid positivi in Terapia Intensiva in Ulss Dolomiti. Rimangono comunque disponibili, in caso di...

Feltre. Prorogate al 31 luglio le aperture festive per acconciatori, estetisti, tatuaggio e piercing

Il sindaco di Feltre Paolo Perenzin ha firmato l'ordinanza che autorizza l'apertura in deroga nelle giornate festive per le attività di acconciatore, estetista, tatuaggio...

Riaperture in attesa del nuovo Decreto. Lunedì 17 maggio prevista la Cabina di regia tra le forze di maggioranza

In Veneto, solo per la filiera matrimoni, un indotto da 450 milioni fermo al palo da oltre un anno Froncolati, Portavoce Ho.Re.Ca. CNA Veneto: «In...

Il 90% di bellunesi vota a favore delle energie rinnovabili

Belluno 12 maggio 2021 - Nove bellunesi su dieci ritengono importante che la propria casa venga alimentata da energie rinnovabili e oltre otto su...
Share