13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 3, 2022
Home Cronaca/Politica Oltre trenta elaborati per il logo del Fondo Welfare. De Biasi: «A...

Oltre trenta elaborati per il logo del Fondo Welfare. De Biasi: «A breve il vincitore. Una mostra con tutti i lavori»

Francesca De Biasi, assessore al Comune di Belluno e presidente del Fondo Welfare

Partecipazione oltre le attese: sono circa una trentina gli elaborati giunti in Provincia per il concorso di idee per il logo del Fondo Welfare e Identità Territoriale. La commissione individuata dal consiglio del Fondo ha aperto ieri le buste arrivate da una decina di scuole. Nelle prossime settimane i componenti provvederanno a una prima selezione dei progetti che saranno ritenuti più interessanti e in linea con le richieste del bando.
Il concorso era rivolto ai ragazzi delle scuole bellunesi (in particolare a coloro che frequentano gli ultimi tre anni delle superiori). E chiedeva di rappresentare graficamente il messaggio chiave del Fondo, con riferimenti precisi a concetti come cittadinanza attiva, solidarietà, attaccamento al territorio e identità territoriale.

«Siamo rimasti particolarmente colpiti, e stupiti di fronte alla grande partecipazione. Questo significa che i giovani bellunesi e le scuole hanno colto in pieno lo spirito del concorso di idee e anche del Fondo» commenta Francesca De Biasi, che presiede l’organismo provinciale, nato per iniziativa di Provincia, sindacati, associazioni di categoria, Diocesi, Consorzio Comuni Bim Piave, Conferenza dei sindaci, Comitato d’Intesa, Scuole in Rete e Aics, con l’obiettivo preciso di contrastare lo spopolamento della montagna bellunese.

«Gli elaborati che sono arrivati sono tutti degni di nota. Presentano chiari riferimenti alla montagna e all’attaccamento al territorio, ed evidenziano un lavoro accurato e meditato. Non sarà facile scegliere tra questi il logo che rappresenterà il Fondo Welfare. Proprio per questo abbiamo deciso di procedere con una selezione di cinque elaborati, da parte del consiglio. Poi, in un secondo momento, una giuria composta da me, dal presidente della Provincia e dal direttore della Dmo Dolomiti per quanto riguarda il messaggio promozionale, selezionerà il progetto vincitore. Tutti gli elaborati però saranno oggetto di una mostra che abbiamo intenzione di organizzare nelle sale di Palazzo Piloni. Fin da ora ringrazio tutti coloro che hanno partecipato, con grande entusiasmo e passione».

Oltre al concorso di idee, il Fondo Welfare ha concluso proprio in questi giorni il questionario sull’attaccamento territoriale lanciato qualche mese fa. «Abbiamo raccolto oltre 1.600 risposte – conclude De Biasi -. Adesso elaboreremo i dati e avremo modo di capire quali sono gli elementi di debolezza e di forza del nostro territorio, per impostare le politiche antispopolamento che il Fondo può mettere in campo».

Share
- Advertisment -

Popolari

La Consulta e i vaccini * di Filiberto Dal Molin

Abbiamo avuto in questi giorni la ventura di sapere come si sono articolate le discussioni e le argomentazioni in tema di obbligo vaccinale anti...

Certificata la presenza della lontra europea in Comelico. De Bon: «Scoperta di grande rilievo. È una specie rara e un indicatore di eccellente qualità ambientale»

La lontra è tornata ad abitare il Bellunese. La scoperta è avvenuta attorno a metà novembre, grazie a una serie di ritrovamenti. L'animale, che...

Violenza sulle donne e lo scivolone della maggioranza * di Ilenia Bavasso

"Io so di non sapere". Ignoranza s. f. . – L’ignorare determinate cose, per non essersene mai occupato o per non averne avuto notizia: i....

Dalle grandi dimissioni all’abbandono silenzioso: le condizioni del lavoro nelle province di Belluno e Treviso

Ricerca della Cisl su un campione di 2.550 lavoratori e lavoratrici Un giovane su 6 ha cambiato lavoro nell'ultimo anno: 4.765 dimissioni volontarie nel primo...
Share