13.9 C
Belluno
giovedì, Marzo 4, 2021
Home Cronaca/Politica Wanbao Acc. Assessore Donazzan chiede la convocazione del Tavolo ministeriale. Stefano Bona...

Wanbao Acc. Assessore Donazzan chiede la convocazione del Tavolo ministeriale. Stefano Bona (Fiom Cgil): preoccupazione per il futuro dello stabilimento

Elena Donazzan – Assessore regionale

Venezia, 4 settembre 2019  –  In riferimento alle notizie di possibile riduzione dei volumi produttivi e di impegno finanziario da parte del gruppo Wanbao Acc Italia, l’assessore regionale al lavoro Elena Donazzan chiederà la convocazione immediata del tavolo presso il Ministero per lo Sviluppo economico per verificare, con i massimi vertici dell’azienda, “il mantenimento degli impegni che la proprietà cinese si è assunta per lo sviluppo industriale del sito di Mel acquistando nel 2014 la storica fabbrica di compressori per la refrigerazione”.

“Italia Wanbao Acc rappresenta una importante realtà produttiva del tessuto bellunese e veneto – sottolinea l’assessore Donazzan – inserito in un contesto produttivo di filiera strategico per l’intero paese, qual è quello dell’elettrodomestico e dell’industria del ‘bianco’”.

Inoltre, in stretto raccordo con il sindaco di Borgo Valbelluna, Stefano Cesa e con l’Unità regionale di crisi, è stata decisa la convocazione d’urgenza per i primi giorni della prossima settimana del Comitato socio-istituzionale, che rappresenta tutte le parti istituzionali e sociali del territorio bellunese e l’assessorato regionale al lavoro.

Riduzione dei volumi e dei costi ed esaurimento a breve dei finanziamenti stanziati per il rilancio dell’azienda in seguito all’acquisto, da parte di Wanbao, avvenuto nel 2014. È quanto la direzione della Wanbao-Acc di Mel ha comunicato oggi, 4 settembre, alle Rsu aziendali nel corso di un confronto in azienda.

“A fronte di tali esternazioni – dichiarano Stefano Bona della Fiom Cgil Belluno, Michele Ferraro della Uilm Belluno e Mauro Zuglian della Fim Cisl Belluno Treviso – le Rsu e le Organizzazioni Sindacali di categoria esprimono una forte preoccupazione per il futuro dello stabilimento. Per questo sono già stati attivati tutti i canali istituzionali locali e nazionali”.

Al termine della riunione, le Organizzazioni sindacali hanno riunito in assemblea i circa 270 dipendenti per informarli della situazione. Entro la prossima settimana si svolgerà un incontro con l’assessore regionale al Lavoro Elena Donazzan. Già fissato per il 12 settembre un nuovo vertice in azienda con la direzione e le organizzazioni sindacali di categoria.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

8 marzo, Giornata internazionale della Donna. La Cisl ricorda due grandi donne: Tina Anselmi e Tina Merlin

Venerdì 12 marzo alle 18 va in scena sul sito e sui canali social della Cisl Belluno Treviso lo spettacolo online “Alla radice del...

Premio Giorgio Lago, nuovi talenti del giornalismo 2021

Gli studenti delle ultime classi dei licei del Veneto sono invitati a realizzare un articolo indagando il ruolo della cultura nella società di oggi,...

Sabato il gazebo in Piazza dei Martiri per la legge antifascista “Stazzema”

Sarà presente in Piazza dei Martiri dalle 9.00 alle 13.00 di sabato 6 e di sabato 13 marzo nello spazio tra i due bar...

4500 euro dalle Pro Loco bellunesi all’Ulss Dolomiti

La pandemia da Covid -19 ha costretto nell’anno appena trascorso tutte le Pro loco Bellunesi a modificare, o in diversi casi annullare, gli eventi...
Share