13.9 C
Belluno
giovedì, Febbraio 25, 2021
Home Cronaca/Politica Visita del capo dello Stato a Vittorio Veneto. L'Associazione Caduti della Repubblica...

Visita del capo dello Stato a Vittorio Veneto. L’Associazione Caduti della Repubblica sociale italiana non ci sta e replica

“Al Presidente della Repubblica presente nei giorni scorsi a Vittorio Veneto è stata rappresentata una verità falsata sul Bus de la Lum e sui crimini consumati dai partigiani nel Veneto ed in particolare nel Vittoriese-Trevigiano nel corso della guerra civile 1945”.

A sostenerlo è Luciano Sonego vicepresidente dell’Associazione Caduti Repubblica Sociale Italiana Treviso-Belluno.

“Il presidente della Repubblica, ex deputato del PD – dichiara Sonego – avrebbe dovuto documentarsi su quei fatti prima di venire a Vittorio Veneto a portare una parola di pacificazione. Mattarella dovrebbe essere il presidente di tutti gli italiani, non di una parte che alimenta ancora, dopo 70 anni, odii e rancori. Il presidente Mattarella vada pure a S. Anna di Stazzema a celebrare le vittime della rappresaglia voluta dai partigiani che poi scapparono lasciando le popolazioni indifese, ma si rechi anche a Basovizza, dove, a differenza del Presidente Cossiga, non ha mai voluto mettere piede.
Per quanto riguarda il numero dei morti e le stragi compiuti dai partigiani comunisti nella nostra zona, inutile creare confusioni. I dati sono stati forniti dalle stesse associazioni partigiane, istituti resistenziali e ANPI e documentano senza tema di smentita quel massacro.

Queste le cifre fornite dal garibaldino Enzo Gandalini (“Ottavio”) e riferentesi alle perdite subite dagli opposti schieramenti (Fonte Archivio Istituto Storico della Resistenza di Treviso):

PERDITE ACCERTATE INFLITTE AI NAZIFASCISTI E LORO COLLABORATORI
TEDESCHI: morti n.2294 – feriti n.2163
FASCISTI: morti n. 1034 – feriti n. 938
PARTIGIANI: morti n,277 – feriti n.166

Dati ancora più impressionanti sono forniti da Antonio Della Libera, ex sindaco di Vittorio Veneto, nel suo libro: “Sulle montagne per la libertà” che tratta del conflitto nella sola zona controllata dalla Divisione Nannetti. Secondo Della Libera i morti della brigata partigiana Mazzini (quartier del Piave e Valdobbiadene) furono 2 (due) contro i 400 di tedeschi e fascisti; la brigata Cacciatori della Pianura, operante nell’ Opitergino, ebbe 6 morti contro 132 avversari uccisi; la Brigata Cacciatori delle Alpi, operante sulla Pontebbana, ebbe 9 morti contro i 135 di tedeschi e fascisti.
Questi – conclude Sonego – sono dati forniti da fonti resistenziali”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Italia Polo Challenge. Arrivano all’Hotel de la Poste di Cortina i primi giocatori con sacche e stecche

  Con l’arrivo dei primi giocatori in vista dell’atteso test match tra U.S. Polo Assn./Lusben Polo Team e Battistoni/Mediolanum Polo Team di sabato 27 febbraio...

Strada per la Valle del Mis. Luchetta: «Provincia e Veneto Strade stanno lavorando per la riapertura il prima possibile»

«Stiamo lavorando per la riapertura il prima possibile della strada provinciale 2 della Valle del Mis. La Provincia ha già reperito le risorse e...

Farfalle, coleotteri e libellule nell’ultimo numero di Frammenti, la rivista della Provincia di Belluno

È uscito in questi giorni il decimo numero della rivista "Frammenti. Conoscere e tutelare la natura bellunese" pubblicata da Ibrsc (Istituto bellunese di ricerche...

“Compendio del tempo sospeso”: inaugurata lunedì scorso a Milano la mostra di Alfonso Lentini e Simona Fantappiè

"Compendio del tempo sospeso" è il titolo della mostra di Alfonso Lentini e Simona Fantappiè, in esposizione a Milano (su prenotazione) fino al 12...
Share