13.9 C
Belluno
domenica, Settembre 20, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Riforme, pensioni e lavoro. L'ex ministro Elsa Fornero venerdì alle 20.30 al...

Riforme, pensioni e lavoro. L’ex ministro Elsa Fornero venerdì alle 20.30 al centro Papa Luciani di Santa Giustina

Venerdì 23 novembre alle 20.30 al Centro Papa Luciani di Santa Giustina, l’ex ministro Elsa Fornero, il cui nome è legato alla riforma del sistema pensionistico e a quella del lavoro, presenterà il libro “Chi ha paura delle riforme. Illusioni, luoghi comuni e verità sulle pensioni.

Michelangelo De Donà

L’appuntamento dà il via al nuovo calendario della rassegna culturale “Illustrissimi”, ideata nel 1995 dal giornalista Michelangelo De Donà e giunta alla 24ma edizione, realizzata in collaborazione con Egea, la casa editrice dell’Università Bocconi.

“L’ampliamento dei benefici pensionistici implica un regalo e i regali fatti con i soldi pubblici o corrispondono a solidarietà e sono pienamente legittimi, oppure creano privilegi e allora sono socialmente inaccettabili”, così Elsa Fornero, professore ordinario di Economia politica presso l’Università di Torino che ha ricoperto diversi incarichi istituzionali a livello nazionale e internazionale.

Dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 è stata ministro del Lavoro e delle politiche sociali, con delega alle Pari opportunità, nel governo guidato da Mario Monti. Fondatrice e Coordinatore scientifico del CERP (Centro di ricerche sulle pensioni e sulle politiche sociali), la professoressa Fornero ribadisce “che non c’è alcuna vergogna nella riforma ma la severità dell’intervento se non è stata sufficiente, da sola, a migliorare le prospettive alle generazioni giovani e future ne ha almeno sicuramente alleggerito gli oneri”. Non è la prima volta che a Col Cumano arrivano rappresentanti delle istituzioni: oltre all’attuale presidente della Repubblica Mattarella, agli ex presidenti del Consiglio Giulio Andreotti e del Senato Marcello Pera, di casa il prof. Andrea Monorchio, per vent’anni ragioniere generale dello Stato a livello nazionale, ma non sono mancate personalità internazionali come l’ex sottosegretario delle Nazioni Unite Giandomenico Picco.

De Donà (Università di Pavia) anticipa intanto che la rassegna e il premio “Giovanni Paolo I”, nei prossimi mesi, assumeranno sempre più la forma itinerante per coinvolgere il territorio provinciale con le sue istituzioni e associazioni mentre insieme al suo collega Daniele Trabucco (Università di Padova), sta predisponendo un programma culturale, che vedrà protagonisti rappresentanti delle istituzioni nazionali e della magistratura su temi legati alla Pubblica Amministrazione, agli appalti, all’anticorruzione e alle problematiche della montagna.

CHI E’ ELSA FORNERO

Professore ordinario di Economia politica presso l’Università di Torino, ha ricoperto diversi incarichi istituzionali a livello nazionale e internazionale. Dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 è stata ministro del Lavoro e delle politiche sociali, con delega alle Pari opportunità, nel governo guidato da Mario Monti. Il suo nome è legato alla riforma del sistema pensionistico e a quella del lavoro varate durante quella legislatura.

Share
- Advertisment -



Popolari

Meteo. Instabilità da domenica, temporali da lunedì

Il Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto, alla luce delle previsioni meteo, ha emesso un avviso di criticità idrogeologica ed idraulica, decretando...

A Mauro Case il 1° premio per il concorso fotografico L’Antico Borgo ti fa il regalo

Pasta, focacce, una zucca, una bottiglia di vino, un libro, un buono per una cena, prodotti per la cura personale, una torta al cioccolato...

Scuola. Bilancio positivo del servizio autobus. Padrin: “Aggiorneremo i dati abbonamenti a fine mese”

Si chiude la prima settimana di scuola e il trasporto pubblico comincia ad andare a regime. Dolomitibus ha aggiunto 31 autobus alla flotta solitamente...

Furto di gasolio e spaccio di droga: 13 rinvii a giudizio

Tredici persone, residenti o domiciliate tra Belluno, Longarone, Alpago, Ponte nelle Alpi e Sedico sono state rinviate a giudizio per i reati di spaccio...
Share