13.9 C
Belluno
venerdì, Settembre 18, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Tares, richiesta attenzione nel calcolo per le aziende. Deon scrive ai...

Tares, richiesta attenzione nel calcolo per le aziende. Deon scrive ai sindaci: “Rispettare almeno un’effettiva proporzionalità tra la quota di rifiuti conferiti al gestore e gli importi tariffari da corrispondere”

Giacomo Deon
Giacomo Deon

Confartigianato Imprese Belluno chiede a tutti i Sindaci della provincia la massima attenzione nel calcolo dei parametri della Tares nei confronti delle imprese, al fine di non assoggettarle a doppia imposizione, visto che – in molti casi – già smaltiscono i propri rifiuti in modo esterno.

In questi giorni, il presidente Deon ha preso carta e penna e ha inviato a tutti i Comuni bellunesi una lettera con precise richieste, quali: l’esclusione nella determinazione della superficie assoggettabile al tributo della parte ove si formano di regola rifiuti speciali e delle aree esterne pertinenziali o accessorie ai locali tassabili, nonché di quelle destinate al transito e al parcheggio di veicoli; la riparametrazione del tributo alla luce dei costi già sopportati dalle aziende per lo smaltimento dei rifiuti con altri gestori. La richiesta dell’Associazione è anche estesa a una attenta e misurata definizione delle aree tassabili, sulle quali grava la maggiorazione base di 0,30 euro/mq destinata allo Stato e il cui importo arriverebbe a essere particolarmente pesante per le aziende se le superfici destinate al conteggio fossero troppo ampie.

Deon apre una porta ai Comuni proponendo una collaborazione costruttiva, mettendo a disposizione conoscenze e dati disponibili in Associazione.

“Importante è – precisa il presidente Giacomo Deon – che i Comuni nella spasmodica ricerca di fare quadrare i bilanci comunali non usino questo tributo come strumento per rientrare dei fondi non trasferiti dallo Stato e del mancato incasso dell’IMU”. E laconicamente Deon afferma: “ Le piccole aziende di questi tempi non possono permettersi di spendere soldi oltre misura!”.

“La Tares – continua il presidente Deon – deve rimanere nei limiti in cui il legislatore l’ha pensata: un tributo da pagare in relazione ai rifiuti prodotti e quindi proporzionale al servizio erogato. Il nostro impegno, quindi, è quello di confrontarci con le Amministrazioni comunali per valutare assieme i parametri per il calcolo. Non lasceremo passare in nessun modo il metodo del fare cassa a ogni costo”.

Il sasso è stato lanciato, ora spetta ai Comuni prestare attenzione alle aziende del proprio territorio, quelle che continuano a garantire lavoro e sviluppo.

 

 

Share
- Advertisment -




Popolari

Green deal Cadore 2030: il nuovo patto per un domani di benessere

“Green deal Cadore 2030” è un progetto ambizioso intrapreso dalla Magnifica Comunità: un Nuovo Patto per il Cadore che ha l'aspirazione di coinvolgere tutti i...

Finanziato anche per l’anno scolastico 2020-21 “Investi scuola”. Padrin: «Uno strumento indispensabile per garantire a tutti il diritto all’istruzione»

Anche per l’anno scolastico 2020/21 è attivo il progetto “Investi scuola”. Grazie al finanziamento del Fondo Comuni di confine e al cofinanziamento di Provincia...

Perde la vita investito da un’auto a Danta

Non ce l'ha fatta Giuseppe Menia Bagattin, 85enne di Danta di Cadore, che nel pomeriggio di ieri è stato investito da un'autovettura condotta da...

Al volante di un’autocisterna con tasso alcolemico di 2,92

E' successo nella tarda serata di ieri sulla strada in località Fiames. I carabinieri della Stazione di Cortina d'Ampezzo hanno deferito in stato di...
Share