13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 17, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo L'occhialeria alla scoperta dei mercati emergenti. Anfao e Ice a Panama con...

L’occhialeria alla scoperta dei mercati emergenti. Anfao e Ice a Panama con 18 aziende. Una missione per far conoscere gli occhiali italiani nei mercati strategici del Centro-America

In questi giorni un nutrito gruppo di aziende italiane è impegnata in una missione operativa a Panama per cercare di farsi conoscere nei mercati del Centro e Sud America, un’area che si dimostra molto vitale ed interessata alla qualità italiana. Le esportazioni italiane di occhiali da sole e montature in Centro e Sud America hanno infatti registrato nei primi sei mesi del 2012 una crescita dell’11,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Il momento che sta attraversando l’economia mondiale è dei più complessi, le difficoltà sono evidenti e tutt’altro che superate, le aziende del settore, in primo luogo le piccole e medie, hanno bisogno di interventi di sostegno. E’ proprio da queste considerazioni che prende il via l’azione di Anfao e di ICE che ha proprio nella sua ragion d’essere la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

Cirillo Marcolin

«Queste iniziative sono per noi indispensabili per affrontare in maniera proattiva la crisi economica globale», afferma Cirillo Marcolin, Presidente di Anfao. «L’internazionalizzazione da sempre è un valore fondamentale per le aziende dell’occhialeria italiana che ha consentito loro negli anni di affermarsi e di conquistare l’interesse di buyer di tutto il mondo. Come Anfao e con l’aiuto di ICE lavoriamo per mettere sul tavolo qualcosa di concreto ed efficace in tempi stretti. Questa missione a Panama mira a rafforzare la conoscenza dei nostri prodotti e allargare i nostri orizzonti commerciali in un’area in forte crescita economica».

La missione a Panama rientra in un più ampio piano di promozione e internazionalizzazione che – da anni – permette alle aziende associate Anfao la partecipazione in collettiva alle fiere di settore più strategiche oltre che a iniziative straordinarie come questa in Centro America.

«Le aziende del settore, in primo luogo le piccole e medie, hanno bisogno di interventi di sostegno», sostiene Giovanni Vitaloni, Presidente della Commissione Export di ANFAO «Siamo in questi giorni anche a Mosca con una mostra dedicata alla moda e agli accessori italiani, e siamo di ritorno dalla fiera di Hong Kong e da una missione operativa a Seoul dove le nostre aziende hanno avuto modo di incontrare diversi buyer locali e di ottenere un buon riscontro in termini di contatti commerciali».

Scelte strategiche volte a rafforzare la presenza del comparto su alcuni mercati chiave. Alcune tradizionali mete dell’export italiano risultano più colpite dalla decelerazione della domanda, mentre nuove opportunità si aprono nelle cosiddette nuove aree di sviluppo. Tra queste l’America Latina, che risulta strategica anche per la sua vicinanza con gli Stati Uniti, primo mercato di sbocco delle esportazioni italiane del settore. In particolare la Zona Franca di Colon è la seconda a livello mondiale dopo quella di Hong Kong, e rappresenta uno dei principali pilastri dell’economia panamense, sia per il volume che per il valore delle merci importate e riesportate.

A questa Missione Operativa hanno aderito 18 aziende associate Anfao che presenteranno una selezione delle loro collezioni, espressione di un’expertise che affonda le sue radici nella storia e nella tradizione artigiana dell’Italian Style, evolutasi nei secoli e arricchitasi attraverso la ricerca e la sperimentazione di forme e materiali, il confronto costante con i mercati.

All’evento saranno presenti operatori del settore provenienti da Panama, Venezuela, Brasile, Messico, Cile, Uruguay, Argentina, Paraguay, Colombia, Perù, Ecuador, Costa Rica, Bolivia, Repubblica Dominicana. Un’ottima visibilità e occasione di business per conquistare i mercati del Centro e Sud America.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Petizione al sindaco di Belluno: no alla strada a scorrimento veloce vicino a scuole e case

"Oggi abbiamo consegnato al Sindaco della nostra città 552 firme di cittadini che chiedono all’Amministrazione Comunale di lasciar decadere una volta per tutte il...

Vertice Provincia-Enel. Padrin: «Abbiamo parlato di fasce di rispetto, presidi territoriali e investimenti futuri. Grazie al ministro D’Incà per aver fatto da tramite»

A seguito dell'incontro a Roma di metà dicembre, la Provincia di Belluno ha tenuto venerdì scorso in videoconferenza una riunione con i vertici di...

Calalzo di Cadore, piano di sviluppo per l’area di Lagole. De Carlo: “Reperire risorse per la gestione e un concorso di idee per sostenere...

Il Comune di Calalzo di Cadore punta ancora forte sull'area di Lagole: "Stiamo lavorando a un progetto che ne migliori la fruibilità e ci...

Video del Soccorso alpino e Cai: “Scegliete un’altra montagna, meno rischiosa ma non meno coinvolgente”

Milano, 16 gennaio 2020  "Scegliete un'altra montagna: meno rischiosa, ma non meno coinvolgente". Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e il Club alpino italiano...
Share