13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 27, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Confartigianato donne impresa: più voglia di lavoro, meno d'imprenditorialità

Confartigianato donne impresa: più voglia di lavoro, meno d’imprenditorialità

Confartigianato Donne Impresa ha presentato in questi giorni una serie di dati sul lavoro e sull’imprenditoria femminile molto interessanti e dettagliati anche per la provincia di Belluno, che si distingue per avere un tasso di inattività femminile a livello europeo intorno al 35%. Un bel risultato, se si pensa che lo stesso tasso nel Veneto arriva al 41,5% e in Italia addirittura al 48,5% e così Belluno è ai primi posti nella classifica nazionale per province. Almeno dai dati elaborati da Confartigianato sembra che per le donne sia più facile lavorare a Belluno, che altrove. Infatti, il tasso di occupazione femminile in provincia è arrivato al 60,8% (dati allo scorso anno), lo stesso valore raggiunto in Emilia Romagna e poco meno che nella Provincia Autonoma di Bolzano, dove si è registrato il miglior risultato di questo indicatore – 63% – quando la media italiana è al 46,5% .

Dando un occhio alla piccola impresa e all’artigianato in particolare, nel Bellunese sono 1.365 – vale a dire il 18,5% di tutti gli imprenditori – le donne che ricoprono cariche nelle imprese artigiane; 38.000 sono nel Veneto e poco più di 367.000 in Italia. A dire il vero, però, in provincia di Belluno non c’è una grande propensione delle donne a diventare imprenditrici artigiane: nella classifica generale la nostra provincia risulta al 75° posto, su oltre cento province e negli ultimi mesi l’andamento è negativo.

In Italia, circa il 49% delle donne è titolare e un altro 27% sono invece socie. In Veneto non c’è grande diversità tra le due posizioni che si attestano entrambe intorno al 42% ciascuna.

A Belluno sono le ditte individuali a prevalere tra le imprenditrici artigiane e rappresentano il 23% del totale delle donne occupate come titolari, ma numerose sono anche le socie, che in prevalenza operano nell’impresa di famiglia, confermando il ruolo spesso coincidente tra questa istituzione e la piccola impresa.

Più in dettaglio per quanto riguarda la provincia di Belluno, quasi il 20% delle donne titolari di aziende artigiane opera nel manifatturiero, il 70% è nei servizi alla persona, il 9% nei servizi alla imprese, mentre poco meno del 2% è nelle costruzioni, frutto di scelte personali che hanno portato a mettersi in proprio oppure a inserirsi nelle realtà aziendali esistenti nell’ambito della famiglia e quindi patrimoni da proseguire.

Ma per tutte c’è un problema comune: un basso tasso di investimenti nei servizi di welfare e la difficoltà di far conciliare i tempi professionali con quelli di cura della famiglia, una condizione nota e che pone il nostro Paese nelle posizioni basse della classifica europea.

Secondo l’Ufficio studi di Confartigianato, la spesa pubblica per la famiglia – nel 2011 – è stata pari a 20,7 miliardi di euro; mentre nel periodo 2007-2011 la spesa per la famiglia è la componente cresciuta meno, vale a dire solo il 6,9% della spesa complessiva per il welfare in Italia.

Malgrado questa situazione il nostro Paese riesce a detenere la leadership in Europa per il maggior numero di imprenditrici e lavoratrici autonome, con oltre un milione e mezzo di donne al comando di imprese, di studi professionali e lavoratrici indipendenti.

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Scuole superiori, didattica digitale per il 75% degli studenti. Ordinanza regionale in vigore dal 28 ottobre

Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha firmato la seguente ordinanza in ossequio al Dpcm del 25 ottobre che non lascia margini...

Forte pioggia e neve a quota 1700 in arrivo tra stasera e domattina

Venezia, 26 ottobre 2020 - Il Meteo regionale del Veneto riferisce che tra il tardo pomeriggio di oggi ed il primo mattino di domani, martedì...

Nuovo Dpcm e scuola. Riunione in Prefettura del Comitato per l’ordine e la sicurezza. Quarantena e contagio, i dati provinciali

Si è tenuta stamane, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana Cogode, alla quale...

Serrande abbassate dopo le 18, l’allarme di Confartigianato. Gaggion: «Penalizzati rispetto alla grande distribuzione»

Tutto chiuso dopo le 18: vale per i bar e i pub, i ristoranti e le pasticcerie. Le disposizioni contenute nel nuovo Dpcm non...
Share