13.9 C
Belluno
lunedì, Ottobre 26, 2020
Home Cronaca/Politica Nis in super saldo? * intervento del Movimento 5 Stelle...

Nis in super saldo? * intervento del Movimento 5 Stelle Belluno

Non abbiamo mai pensato che trovare una soluzione all’annoso problema della NIS sarebbe stato facile e indolore. D’altra parte non è più accettabile che, a seguito di scelte politiche sbagliate, poco lungimiranti e ancor più disastrose nella gestioni , siano sempre i cittadini a pagare. Infatti, la NIS è una società partecipata al 100% dal Comune di Belluno, pertanto il suo patrimonio, già in buona parte depauperato, è un bene di tutta la cittadinanza. Perderlo significa impoverire noi tutti.

Se è vero che i mali della NIS affondano le radici in oltre 30 anni di mala gestione e nell’illusione che il “colle” dovesse diventare una rinomata località sciistica, dobbiamo sottolineare che tutte le amministrazioni che si sono succedute nel corso degli anni si sono intestardite a percorrere questa strada. Per questo motivo, oggi troviamo opportuno che tutti prendano le proprie responsabilità e facciano un serio esame di coscienza anziché lanciarsi invettive reciproche.

In quanto al neo sindaco Massaro, a conoscenza della situazione visto il suo recente passato di capo gruppo di minoranza e che sull’opposizione alle scelte della giunta Prade ha costruito la sua immagine e il successo elettorale, ci aspettavamo qualcosa di più e di diverso. Nascondersi dietro le difficoltà, i limiti di bilancio ed i vincoli imposti dalle delibere della precedente giunta, dimostra una pochezza di idee ed incoerenza politica. Dove sono dunque la novità, la buona politica e le buone pratiche tanto sventolate in campagna elettorale? Non troviamo inoltre corrette la gestione e le modalità della “trattativa”, fatta con poca chiarezza, trasparenza, rispetto del Consiglio Comunale e soprattutto coperta dalla “scusa” della riservatezza. A noi non interessavano i nomi degli “investitori”, noi avremmo gradito conoscere e discutere i termini e i dettagli dell’accordo.

Alcuni dubbi però restano e viene spontaneo porsi alcune domande. Cosa succede se gli impianti vengono dati solo in gestione e subito dopo si fa fallire la società? La risposta potrebbe essere che normalmente in un fallimento si procede alla vendita di tutti i beni, in questo caso anche gli impianti, per saldare il maggior numero di debitori. Ma se quindi si dovessero vendere gli impianti che fine farebbero i gestori? Non sarà per caso che questi “appassionati amanti del colle” sono già lì pronti a comprarsi il tutto a costo di super saldo?

 

Movimento 5 Stelle Belluno

Share
- Advertisment -


Popolari

Case di riposo al collasso per mancanza di personale. Cisl Fp: “La Regione si attivi, serve una regia unica”

Case di riposo della provincia di Belluno in grave difficoltà per mancanza di personale. La segnalazione arriva dalla Cisl Fp Belluno Treviso. "Gli istituti...

Dpcm, misure Alto Adige. Bond (FI): «Lo Stato nello Stato colpisce ancora. Basta alla concorrenza sleale»

«Cosa possono fare gli inermi baristi e ristoratori di tutti quei territori bellunesi confinanti con l'Alto Adige? Niente! Di qua dal confine saranno costretti a chiudere...

Provincia di Belluno “Carbon neutral”? Europa verde non ci sta

L’iniziativa del marchio “carbon neutral” per la provincia di Belluno lascia molto perplessi i militanti di Europa Verde Belluno. "Va bene fare una fotografia delle...

Quattro furti in abitazione ad Alano di Piave

Alano di Piave, 25 ottobre 2020  - Quattro furti in appartamento ad Alano di Piave nella serata di ieri. Ignoti, previa effrazione degli infissi,...
Share