13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 24, 2020
Home Cronaca/Politica Partito democratico bellunese: un'opposizione costruttiva e responsabile. Irma Visalli: “Prade pensi allo...

Partito democratico bellunese: un’opposizione costruttiva e responsabile. Irma Visalli: “Prade pensi allo sconquasso portato insieme alla Lega alla nostra provincia e alla città”

Irma Visalli

“Il partito democratico è oggi chiamato a grandissimo senso di responsabilità, non solo nei confronti di Belluno ma dell’intero Paese. In un momento di grande incertezza e fluidità della situazione politica le partite personalistiche devono essere messe al bando e, piuttosto, marciare insieme verso un disegno del territorio e dell’Italia che, come centrosinistra, crediamo faccia bene al nostro Paese”.  Lo afferma Irma Visalli, segretario Unione comunale del Pd di Belluno.

“Credo che ai cittadini e agli italiani interessino pochissimo, o niente, le questioni interne al PD ma, piuttosto, che il nostro partito, come primo partito del centrosinistra, dica cose chiare e nette per dare risposte agli italiani e ai bellunesi. Fuori da stucchevoli e inutili posizioni di contrapposizione. E’ quanto abbiamo fatto quando si è elaborato il progetto di città da offrire ai nostri concittadini. Continueremo responsabilmente a dare contributi per migliorare la situazione locale. Li daremo anche all’amministrazione comunale, che mostra oggi evidenti difficoltà, soprattutto su questioni su cui ci siamo sempre battuti: il Nevegal, la Sersa, la Cultura e il Teatro per fare qualche esempio. E dobbiamo, evidentemente, sempre più essere opposizione costruttiva.

Se la vicinanza ideologica a Massaro c’è (è sempre una persona con cui abbiamo condiviso molto negli anni passati) bene, Belluno ne avrà che benefici e magari in futuro su questo si potranno riannodare i fili per un nuovo e più disteso dialogo. Presto per dirlo ma di certo l’approccio non deve essere la contrapposizione rancorosa, né sarebbero più tollerate dai cittadini beghe e begucce interne. Altrimenti si strumentalizzano le cose, come fa Prade, per demolire anziché costruire un futuro. Io non ho mai avuto questa visione e non inizierò ad averla ora.

Siamo in minoranza e il sindaco ha le sue radici nel Pd. E’ oggi un sindaco civico che, giustamente per il suo ruolo, colloquia con il Partito Democratico (ci mancherebbe altro) tanto da partecipare a Feste Democratiche, tanto da essere tra i primi sostenitori di un candidato PD elle primarie del centrosinistra. Tanto da riconoscere e usare le competenze interne al PD (vedi Perale al tavolo Venezia capitale della cultura).

Un nostro consigliere sta lavorando con tanti giovani per il coordinamento del comitato pro-Renzi in cui vi è anche Massaro.

Benissimo. Se si lavora al bene della città e del Paese, oggi bisogna tollerare e gestire anche le cose più complesse e che si evolvono fuori dai consueti binari, apparendo magari incoerenti. Il Partito democratico deve farlo focalizzando tutto sul contribuito propositivo per il bene di Belluno e dell’Italia, senza dare il fianco a sterili polemiche utili solo al centrodestra. Capisco – conclude Visalli –  che per Prade finito sotto la scure proprio dei suoi, sarebbe impossibile, ma noi siamo altra cosa”.

 

 

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Un nuovo progetto per la segnalazione degli ostacoli al volo

La Provincia di Belluno coordinerà un nuovo progetto di mappatura e la segnalazione degli ostacoli al volo. Con un sistema innovativo di palette catarifrangenti...

Covid. Bond (FI): «Il governo distrugge economia e Natale in un colpo solo»

«Mercati settimanali sì, casette di Natale no. Il governo deve spiegarci perché questa differenza». È quanto afferma il deputato di Forza Italia, Dario Bond, sullo...

Comuni ricicloni, Ponte nelle Alpi primeggia: Dal Borgo: “Questo riconoscimento conferma il consolidarsi del progetto di raccolta differenziata” 

Il Comune di Ponte nelle Alpi è il più riciclone della provincia di Belluno. L'ufficialità arriva dal dossier di Legambiente.  In base alla produzione...

La sanità è preparata alla nuova ondata di contagi? * di Mauro De Carli

La domanda è sulla bocca di tanti, forse non si ha il coraggio di farla per la paura dell’incertezza di questo momento: “la Sanità...
Share