13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Cronaca/Politica Privilegi o legittimi obiettivi * di Paolo Bampo

Privilegi o legittimi obiettivi * di Paolo Bampo

Paolo Bampo

Quelli di Bolzano non sono privilegi, ma un insieme di diritti che dovrebbero rappresentare un modello di riferimento per tutte le aree montane.

Secondo un’ideologia finita in soffitta circa trent’anni orsono, il profitto era tabù, i capitalisti erano dei nemici e l’autonomia era quella che potevi esercitare al massimo nei gulag o in Siberia. Oggi in Italia, gli interpreti di quella ideologia, stringono alleanza, riuscendo a far breccia nel cuore della gente, con i loro nemici di allora. In tema di autonomia i rappresentanti del PDL hanno infatti offerto una sponda agli antichi avversari , i quali però, nel frattempo, hanno opportunisticamente adattato le proprie posizioni ad una più permissiva comprensione ed accettazione del termine.

Il PDL di Belluno riesce però ad andare oltre. Più realista del Re, il partito di Berlusconi sposa posizioni vetero comuniste, affermando la necessità di togliere la ricchezza alle aree che ce l’hanno, per distribuirla a quelle che non ce l’hanno. Esponenti azzurri indicano l’Alto Adige come nemico . Dicono che è ora di “TOGLIERE I PRIVILEGI A TRENTO e a BOLZANO”. Dobbiamo essere tutti uguali di fronte alla legge è il verbo ricorrente, ergo: TUTTI POVERI! Non dicono infatti che quello delle Regioni a statuto speciale deve essere un modello di riferimento a cui tendere. Non dicono che Belluno deve essere uguale a Bolzano. Nossignore, è Bolzano che deve scendere al nostro livello ed essere uguale a Belluno. Ricordiamoci però che se non c’è spazio per le autonomie speciali, non ce n’è neppure per quelle ordinarie. Niente autonomie e basta. W Roma ed il centralismo! Il problema è quindi che il livellamento che si propone non è in alto, bensì in basso. Ma siamo veramente sicuri poi che il (mal)tolto a Bolzano venga realmente ridistribuito equamente tra le aree contermini per poter annullare le disparità o piuttosto, tutto ciò che Roma non spenderà per TN e BZ e tutto ciò che incasserà in più da queste due province, non finirà invece nelle tasche dei partiti romani e nell’acquisto clientelare di voti al Sud? Belluno sarà becca e bastonata più di prima.

Paolo Bampo

Share
- Advertisment -


Popolari

Zaia presenta la giunta al consiglio regionale: 60mila posti di lavoro a rischio. Questa sarà una legislatura sociale

Venezia, 21 ottobre 2020  “Lavoro, economia, occupazione e servizi sociali saranno, oltre alla sanità, la vera sfida per questa giunta. Una sfida che si...

Ultimissime dai carabinieri

I carabinieri di Cencenighe hanno denunciato per detenzione di sostanza stupefacenti due fratelli agordini di 24 e 25 anni. La perquisizione fatta nella giornata...

Confermata l’Ex tempore di scultura in centro Belluno

All’insegna della prudenza, con qualche doverosa rinuncia, lo svolgimento dell’Ex Tempore di Scultura su Legno è confermato. Consorzio e Amministrazione Comunale hanno condiviso l’opportunità di...

Chiuse le elementari di Cortina. Trasferiti 10 ospiti dal Centro servizi di Ponte nelle Alpi. Nuove modalità di accesso ai drive-in

Quattro maestre della scuola primaria "Duca d'Aosta" di Cortina d'Ampezzo sono risultate positive al covid, pertanto il sindaco Gianpietro Ghedina ha pubblicato oggi l'ordinanza...
Share