13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 19, 2021
Home Cronaca/Politica Cesiomaggiore, piano di sviluppo dell’area di Seravella: la replica di Licia Cappellin...

Cesiomaggiore, piano di sviluppo dell’area di Seravella: la replica di Licia Cappellin capogruppo dell’opposizione

Cesiomaggiore

“Il piano di sviluppo dell’area di Seravella, all’ordine del giorno del consiglio comunale di mercoledì, è stato vivacemente dibattuto dalla minoranza presente contestando la poca trasparenza dell’iter relativo, portato solo all’ultimo consiglio anche se da anni a conoscenza dell’Amministrazione”. Lo afferma Licia Cappellin, capogruppo idi opposizione in consiglio comunale di Cesiomaggiore.

“Tra le argomentazioni forti – prosegue Cappellin – anche il pericolo di veder costruire un parco con percorsi pedonali, illuminazione, aree di sosta, ecc, all’interno del territorio di Cesiomaggiore, che è già un parco naturale. Basta metter la testa fuori della porta per godere questo panorama. Un’ottica metropolitana, insomma, che denota una non sensibilità e una non comprensione del nostro territorio. Tant’è che sono intervenuti anche due rappresentanti di maggioranza, concordi con la minoranza, per chiedere al Sindaco di ritirare il punto all’ordine del giorno.

Il punto non è stato ritirato, ed è passato con 8 voti favorevoli e 6 contrari. Quanto riportato dal sindaco, inoltre, non corrisponde a quello che è successo. Il punto, infatti è stato ampliamente dibattuto proprio perchè si tratta di un progetto forte che va ad incidere non poco nel nostro territorio. Inoltre – precisa Licia Cappelin – il tema è stato portato all’ultimo momento, senza che nessuno ne fosse informato, se non il giorno prima del Consiglio. Mi risulta che anche chi dirige il Museo di Seravella non ne sapesse proprio nulla. Poi devo aggiungere che ormai da un anno il Sindaco promette di portare il Pat in Consiglio per l’adozione e ciò non è avvenuto. Rimane la nostra perplessità su progetti di questo tipo – cocnlude Cappellin – anche perchè non si parla necessariamente di prodotti biologici. Quindi l’affermazione del Sindaco “Nonostante qualche distinguo emerso nella discussione consiliare, nessuno ha messo in discussione il merito dell’operazione” non corrisponde a realtà.

Quanto sopra per la chiarire lo svolgimento dei fatti affinché non resti una notizia completamente distorta e difforme dalla realtà”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Campagna vaccinale Ulss Dolomiti: vaccinati il 92% degli ultraottantenni in Provincia

Belluno, 19 aprile 2021 - Si è conclusa nel pomeriggio l'ultima giornata di accesso libero per gli over 80 a Tai di Cadore, con...

Sopralluogo alla frana di Valle di Cadore. Bortoluzzi: «Studiamo la situazione geologica per ipotizzare gli interventi più funzionali»

I tecnici incaricati dalla Provincia di Belluno hanno effettuato una serie di sopralluoghi a Valle di Cadore, lungo il versante sotto l'abitato di Costa...

Karrycar, il primo servizio on line per il trasporto auto in tutta Italia realizzato dalla startup bellunese Droop srl.

Belluno, 19 aprile 2021 - Spedire o ritirare un’auto da un punto all’altro dell’Italia non è mai stato così facile, veloce e conveniente. E’...

Superbonus 110%. Veneto in testa per numero di pratiche

Secondo i dati ENEA, nel Nordest, i crediti ceduti sono pari a 128 milioni di euro e il Veneto con 853 interventi asseverati è...
Share