13.9 C
Belluno
domenica, Febbraio 28, 2021
Home Cronaca/Politica L'Ascom preoccupata per il progetto Altanon a Feltre: "Cè la volontà di...

L’Ascom preoccupata per il progetto Altanon a Feltre: “Cè la volontà di adottare una delibera in extremis”

“Alla fine del mandato, in piena zona Cesarini, il Consiglio Comunale di Feltre si troverà ad assumere una delibera forse decisiva per l’assetto futuro dell’Area Altanon. Nonostante i proclami di trasparenza, la vicenda presenta parecchi aspetti critici”. Lo sostiene L’Ascom, Associazione commercianti, che non nasconde la sua preoccupazione sulla dinamica con la quale si è svolta l’intera vicenda.

“Non si comprende infatti la scelta del procedimento adottato (l’accordo di programma secondo l’art. 32 della legge regionale 35/01), che – malgrado le rassicurazioni del sindaco Vaccari – ha portato la valutazione lontano dalla comunità locale. Non è chiaro ancora l’interesse pubblico di rilevanza regionale che ha giustificato questa scelta – prosegue la nota dell’Associazione commercianti –  e che è presupposto essenziale per intraprendere questa strada, né è stato possibile conoscerlo, visto che la competente direzione regionale non ha concesso l’accesso agli atti, tanto da rendere necessario adire al giudice amministrativo. (Solo dopo questo ricorso, un paio di giorni fa, è stato comunicata la possibilità di ottenere i documenti richiesti).

Non si comprende perciò perché in un solo colpo si dovrebbe andare a stravolgere PAT e Piano territoriale di coordinamento Provinciale per realizzare un centro commerciale di dimensioni eccezionali tale da stravolgere l’intero sistema economico commerciale feltrino.

Quello che si comprende con precisione è la volontà di adottare una delibera in extremis per tentare di superare il limite del 21 marzo, data dopo la quale il Consiglio Comunale non potrà adottare atti se non indifferibili ed urgenti.

La travagliata storia dell’Altanon (in merito alla quale pendono già diversi ricorsi) chiede a gran voce che di ciò si discuta a Feltre e non a Venezia e con la piena legittimazione derivante dalla pienezza di poteri del nuovo governo cittadino, quale che esso sia in futuro. Adottare una delibera di questo tipo ora e con questi presupposti – conclude la nota –  costituisce un’evidente forzatura che conduce direttamente verso nuove conflittualità, ricorsi, tensioni che potrebbero invece essere evitati riportando la questione nei termini corretti del dibattito con cittadini, associazioni ed organizzazioni”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Conclusa l’Italia Polo Challenge Cortina 2021

Cortina d'Ampezzo, 28 febbraio 2021  -  Giocatori e cavalli protagonisti di Italia Polo Challenge Cortina 2021 lasciano la vallata ampezzana con la soddisfazione di aver...

Due interventi del Soccorso alpino

Belluno, 28 - 02 - 21   Attorno alle 12.40 l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto nel comune di Tambre, per uno...

Grubissa (Federfarma) chiede un confronto al nuovo direttore generale della Ulss Dolomiti Maria Grazia Carraro

La distribuzione dei farmaci sul territorio, la collaborazione in occasione di campagne di prevenzione, le difficoltà di gestione della ricetta dematerializzata e l'erogazione dei...

L’assessore Lanzarin risponde sui 52 milioni destinati alle Ulss venete, esclusa Belluno

Dopo le varie proteste per i mancati stanziamenti della Regione Veneto all'Ulss 1 Dolomiti (nulla dei 52 milioni), nell'ordine, quella del sindaco di Belluno...
Share