13.9 C
Belluno
venerdì, Settembre 25, 2020
Home Cronaca/Politica Il ministro Tremonti assicura l'Anci veneto:" Sbloccherò i fondi della Finanziaria per...

Il ministro Tremonti assicura l’Anci veneto:” Sbloccherò i fondi della Finanziaria per i Comuni di confine”

La questione legata ai fondi ”congelati” destinati ai comuni di confine è stata al centro del colloquio che nei giorni scorsi si è svolto tra il ministro Giulio Tremonti e il rappresentante delegato di Anci Veneto Gino Pante. Il momento di confronto era stato preceduto da una riunione, avvenuta nella sede Anci, tra Pante e  i rappresentanti provinciali Bruno Scalzeri, Stefano Murer e Claudio Melotti. In questa sede, con chiarezza, era stata delineata una situazione di evidenti preoccupazione e criticità.  Soprattutto sotto il profilo economico, l’inevitabile riflesso di tale “congelamento” sta avendo delle ricadute notevoli sulle risorse sempre più esigue e compresse dei comuni i quali, spesso non sono più in grado di rispondere appieno ai loro doveri istituzionali, sebbene dal 2007 ad oggi, sia a livello regionale che nazionale, i comuni confinanti con le regioni a statuto speciale del Nord Italia abbiano goduto di un occhio di riguardo particolare da parte del Governo centrale. Per quanto riguarda il fondo Letta-Lanzillotta, la prima trance per  l’anno 2007 è già stata erogata, la seconda trance in competenza all’anno 2008 sarebbe pronta per essere erogata (ha già il parere favorevole della Conferenza Stato-Regioni) e la terza e ultima trance per l’anno 2009 è in attesa di disposizioni del ministro dell’Economia e Finanza. La valutazione della documentazione che Pante ha prodotto a sostegno delle posizioni dei comuni di confine è stata consegnata al ministro Tremonti il quale si è impegnato a trasmetterla personalmente al sottosegretario di competenza. Altro punto discusso è stato quello contenuto nelle legge finanziaria dello Stato 2010 sotto il titolo “Riscrizione dei rapporti tra il Governo centrale e le Province Autonome di Trento e Bolzano” laddove, per effetto di tale accordo recita: “lo Stato garantisce alle due Province la continuità della autonomia a condizione che assumano a proprio incarico l’impegno di assicurare flussi finanziari costanti, nella misura annua di 40 milioni di euro ciascuna, finalizzati al riequilibrio socio economico dei comuni confinanti di province contermini” . La preoccupazione – che appare per ora fugata – era che questa voce in Finanziaria non si fosse incagliata nelle disposizioni del Governo a sostegno della manovra di risanamento dei conti pubblici.

Share
- Advertisment -



Popolari

Sanità bellunese sotto accusa. La mozione dei consiglieri Nicolini, Ciociano Bottaretto, De Pellegrin, Bristot, Bello, Gamba e Pingitore

E' stata presentata al presidente del Consiglio Comunale di Belluno una mozione con un lungo elenco del continuo depauperamento dei servizi sanitari a carico...

Ulss Dolomiti. Pubblicato il bando per direttore di Chirurgia vascolare. Ristrutturazione dell’ospedale di Lamon

E’ stato approvato il bando per la ricerca del direttore della Unità Operativa complessa di Chirurgia Vascolare. L’Unità Operativa Complessa, prevista dalle schede di dotazione...

Fondazione Teatri delle Dolomiti: Tiziana Pagani Cesa è la nuova presidente

Patrizia Burigo, Tiziana Pagani Cesa e Ivan Borsato i nuovi componenti del comitato di gestione della Fondazione Teatri delle Dolomiti. L'incarico di presidente è...

Puliamo il Mondo. Oltre 60 gli appuntamenti di Legambiente nel Veneto 

Il coronavirus non ferma Puliamo il Mondo. Domani, in concomitanza alla Giornata mondiale di azione per la giustizia climatica, e per tutto il week-end...
Share