13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 14, 2021
Home Riflettore In un cartoon la storia del Leone di San Marco scritta dagli...

In un cartoon la storia del Leone di San Marco scritta dagli alunni della Scuola “Vittorino da Feltre ” , premiati oggi in Regione

C’è una storia alternativa del Leone Alato di San Marco, simbolo di Venezia e del Veneto. L’hanno scritta a più mani gli alunni della classe 5ª della Scuola Primaria “Vittorino da Feltre” di Feltre (Belluno), affiancati dai loro più giovani “colleghi” di 4ª che hanno invece disegnato il “protagonista” dell’avventura. Con i loro elaborati, i ragazzi hanno vinto concorso regionale “Un leone molto animato”, indetto dalla Regione per il corrente anno scolastico nell’ambito della seconda edizione del progetto didattico “In lingua veneta”. Stamani i giovani vincitori, accompagnati dalle maestre Angelina Barduca, Paola Cadorin, Elena Cassol, Annalisa Cescato, Daniela Cingolani, Alessia Perrone, e dal dirigente scolastico Plinio Zatta, sono stati ricevuti a Palazzo Balbi di Venezia dal vicepresidente della Giunta regionale, che si è congratulato per la fantasia, l’impegno e l’ottimo lavoro. Quest’ultimo è ora nelle mani del Gruppo “Alcuni” di Treviso, che stanno trasformando vicenda e Leone marciano in un cartone animato, che sarà presentato in tutte le province il 25 marzo prossimo, “Festa del popolo veneto”, istituita da una legge regionale in corrispondenza nella data leggendaria dei natali di Venezia, avvenuta nel 421 dopo Cristo. Il concorso “Un leone molto animato” si è rivolto ai ragazzi delle scuole primarie del Veneto, invitati appunto a reinterpretare il Leone di San Marco creando una storia da trasformare in cartoon. La vicenda ideata dai ragazzi della “Vittorino da Feltre” nasce da una sorta di collage sulla base di quattro avventure diverse, create da altrettanti gruppi. Ne è venuta fuori un’opera collettiva scritta in italiano e in lingua veneta, che narra in termini decisamente “innovativi” la nascita del simbolo veneziano. Oggi l’hanno anticipata al vicepresidente e siamo in grado di raccontarne alcuni contenuti. Dall’Egitto giunge a Venezia un leone; i doganieri veneti avvertono le autorità e queste decidono di rimandarlo a casa. Viene chiamato uno speziale, la cui pozione, anziché addormentare l’animale per poterlo rimettere a bordo della nave, gli fa crescere le ali. Viene allora chiamato un mago… Il resto andatelo a vedere il 25 marzo prossimo. La creatività dimostrata – ha sottolineato il vicepresidente della Giunta – ci fa capire la saldezza delle radici del patrimonio linguistico e culturale del Veneto, attorno al quale si riconoscono l’identità di un popolo e delle sue tradizioni. Il presidente della Provincia di Belluno, Gianpaolo Bottacin, rivolge agli studenti della scuola “”Vittorino da Feltre”” i più vivi complimenti per il premio al concorso “Un leone molto animato”, che rientra nel progetto didattico regionale “In lingua veneta”. «Un plauso ai ragazzi ed anche ai loro insegnanti che li hanno supportati nella riuscita degli elaborati – ha commentato Bottacin – . È importante che i giovani imparino, anche attraverso questi progetti che esaltano la creatività, il valore della loro cultura e delle loro radici».

Share
- Advertisment -

Popolari

Belluno. Mappa delle asfaltature dal 19 maggio al 30 luglio

Per consentire i lavori di fresatura e asfaltatura per il ripristino del manto stradale in alcune vie, nel periodo dal 19 maggio al 30...

104mo Giro d’Italia. Il 19 maggio la diretta della presentazione della tappa dolomitica del 24 maggio

Il 19 maggio alle ore 11 avrà luogo nella Sala Consiliare del Comune di Cortina, in Corso Italia n. 33 la presentazione della tappa...

Divide et impera. Terna ci riprova trattando separatamente con i singoli Comuni

Terna pare aver fatto sua la strategia di Giulio Cesare, "Divide et impera" e riprende la trattativa separata con i singoli Comuni. Alcuni dei...

Sfregiati gli affreschi del rustico di Villa Patt a Sedico. Cibien: “Sporgeremo denuncia”

Brutta sorpresa per i tecnici della Provincia di Belluno. Nei giorni scorsi un sopralluogo a Villa Patt (a Sedico) ha fatto scoprire una serie...
Share