13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 25, 2020
Home Cronaca/Politica La Provincia incontra la Marcolin. Il presidente Bottacin e gli assessori De...

La Provincia incontra la Marcolin. Il presidente Bottacin e gli assessori De Gan e Toscani a colloquio con il management aziendale

La Provincia di Belluno ha incontrato, oggi pomeriggio (lunedì 15) , i vertici dell’azienda Marcolin, al fine di capire quali siano i motivi che hanno portato l’impresa a trasferire i propri stabilimenti a Longarone. Una riunione serena quella tra il presidente della Provincia, Gianpaolo Bottacin, accompagnato dagli assessori Stefano De Gan e Matteo Toscani, con il vice-presidente della ditta, Cirillo Marcolin, insieme al direttore delle Risorse Umane, Pietro Zaglio. «Abbiamo ricostruito la storia dell’azienda, dalle origini fino ai giorni nostri – hanno commentato i rappresentanti di Palazzo Piloni – . Contestualmente, gli amministratori ci hanno presentato le motivazioni che li spingono al trasferimento, quelle stesse motivazioni che già erano state spiegate ai sindaci e ai presidenti delle Comunità montane del Cadore». «Abbiamo recepito la loro posizione – hanno continuato i rappresentanti della Provincia- . Si tratta di uno spostamento che, diversamente da altre grosse operazioni condotte da alcune realtà economiche della nostra zona, non avrà ripercussioni negative nell’ambito dell’occupazione lavorativa. L’azienda ha confermato il grande investimento fatto nell’area di Longarone, a garanzia della volontà di non delocalizzare fuori provincia i propri impianti, e questo non può che essere interpretato come un segnale positivo, nel medio e nel lungo termine, per l’economia bellunese». Da parte sua, l’assessore Toscani ha ribadito che «chiaramente, come cadorino, mi dispiace che anche l’ultima grossa azienda, con stabilimento in zona, abbia deciso di trasferirsi a Longarone. Va dato atto alla Marcolin di essere riuscita a mantenere aperto il punto di Domegge fino ad ora, e comunque di aver in ipotesi il mantenimento occupazionale attuale. Il Cadore sta vivendo un momento di profonda crisi dal quale bisognerà uscire il prima possibile. Come amministrazione provinciale stiamo valutando attentamente la situazione e soprattutto lavorando, a livello regionale e nazionale, per poter presto avviare un progetto di rilancio di questa parte di territorio».

Share
- Advertisment -

Popolari

Incendio distrugge una abitazione ad Umin di Feltre

Feltre, 24 novembre 2020 Dalle ore 17, i vigili del fuoco sono impegnati per domare  l’incendio sviluppatosi in una casa in via Umin, 5...

Zaia presenta in diretta Facebook l’ordinanza breve valida dal 25 novembre al 4 dicembre

Sarà in vigore da domani, mercoledì 25 novembre, fino a venerdì 4 dicembre. Il 3 dicembre dovrebbe uscire il nuovo Dpcm valido per l'intero...

Flavia Monego: «Il ruolo della donna nel mondo del lavoro è sempre più difficile»

«Mi sono insediata un mese fa e ancora non mi capacito di quanto lavoro ci sia da fare per contrastare e prevenire la violenza...

Violenza donne. In Veneto 3.174 vittime accolte nei centri. Lanzarin: “Prosegue l’impegno finanziario per sostenerli”

Venezia, 24 novembre 2020  Sono 3.174 le donne seguite con percorso specifico dai Centri antiviolenza del Veneto in tutto l’anno scorso. Una flessione minima, 82...
Share