13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 25, 2020
Home Cronaca/Politica DolomitiTurismo: la Provincia risparmia sui compensi

DolomitiTurismo: la Provincia risparmia sui compensi

Luigi Curto
Luigi Curto

Seconda assemblea generale di DolomitiTurismo, quest’oggi in via Psaro a Belluno. Presenti l’assessore provinciale al Turismo, Matteo Toscani (delegato dal presidente Bottacin), il vice-presidente della Camera di Commercio bellunese Luigi Curto (nella foto), il presidente della Comunità montana Feltrina, Ennio Vigne, e l’intero consiglio di amministrazione dell’Ente: Renzo Minella (presidente), Giovanni Valle (vice-presidente) e Mario Nicolai (terzo componente Cda). All’ordine del giorno dell’assemblea i compensi per i nuovi amministratori. La quota annua stabilita per il presidente di DolomitiTurismo è di 24mila euro, mentre il vice-direttore ed il terzo componente del Cda potranno contare sulla cifra di 4mila euro; 50mila euro è invece l’importo destinato al direttore dell’Ente. La spesa totale sarà quindi di 82mila euro annui: in passato, la figura del presidente e del direttore erano accorpate in un solo membro, ma la spesa per il singolo risultava essere di 92mila euro (10mila euro in più, rispetto ai nuovi criteri). «Abbiamo voluto dare un segnale forte, riducendo le spese, ma senza rinunciare ad avere persone di qualità che si dedicheranno – loro sì, senza risparmio – alla gestione delle materie in capo a DolomitiTurismo – ha commentato l’assessore Toscani – . Ci sono molte cose da fare. A breve avrò un incontro operativo con il presidente Minella, per stabilire un piano di azione improntato alla concretezza e all’efficacia». «Proseguiamo nella politica del contenimento dei costi – ha commentato il presidente Bottacin – . Siamo costretti a tagliare su vari fronti a causa delle necessità di bilancio, ma vogliamo garantire, per quanto possibile, i migliori servizi alla cittadinanza bellunese». Nel corso dell’assemblea è stato anche nominato il nuovo direttore dell’Ente, Ennio Soccal: «Ci affidiamo ad una persona di grande esperienza, che sono certo potrà bene interpretare le esigenze del territorio e le linee guida che arriveranno dalla Provincia e dal consiglio di amministrazione». «Sono contento di poter lavorare accanto a persone capaci, competenti e disponibili, come sono quelle che mi affiancheranno nel Cda – ha commentato il presidente Renzo Minella – . L’apporto del direttore Soccal sarà prezioso, vista la sua grande esperienza nel settore».

Share
- Advertisment -

Popolari

Incendio distrugge una abitazione ad Umin di Feltre

Feltre, 24 novembre 2020 Dalle ore 17, i vigili del fuoco sono impegnati per domare  l’incendio sviluppatosi in una casa in via Umin, 5...

Zaia presenta in diretta Facebook l’ordinanza breve valida dal 25 novembre al 4 dicembre

Sarà in vigore da domani, mercoledì 25 novembre, fino a venerdì 4 dicembre. Il 3 dicembre dovrebbe uscire il nuovo Dpcm valido per l'intero...

Flavia Monego: «Il ruolo della donna nel mondo del lavoro è sempre più difficile»

«Mi sono insediata un mese fa e ancora non mi capacito di quanto lavoro ci sia da fare per contrastare e prevenire la violenza...

Violenza donne. In Veneto 3.174 vittime accolte nei centri. Lanzarin: “Prosegue l’impegno finanziario per sostenerli”

Venezia, 24 novembre 2020  Sono 3.174 le donne seguite con percorso specifico dai Centri antiviolenza del Veneto in tutto l’anno scorso. Una flessione minima, 82...
Share