13.9 C
Belluno
domenica, Novembre 29, 2020
Home Cronaca/Politica Ferrovie, disagi & ritardi: presidenti di Provincia e sindaci chiedono un incontro...

Ferrovie, disagi & ritardi: presidenti di Provincia e sindaci chiedono un incontro con Chisso

Leonardo Muraro e Gianpaolo Bottacin, Gianantonio Da Re e Antonio Prade in Regione per richiamare l’attenzione sulle criticità del servizio ferroviario tra Venezia e Calalzo. Richiamare con forza l’attenzione della Regione sulle criticità segnalate da numerosi cittadini relative ai disagi, ritardi e agli orari ferroviari attualmente in vigore nella linea Calalzo-Venezia, in vista dell’ormai prossimo cambiamento e/o aggiornamento di orario (dicembre 2009). E’ in questo senso che i sindaci di Belluno e Vittorio Veneto, Antonio Prade e Gianantonio Da Re, e i presidenti delle Province di Belluno e Treviso, Giampaolo Bottacin e Leonardo Muraro, hanno chiesto oggi un incontro urgente con l’assessore alle Politiche della Mobilità e Infrastrutture Renato Chisso, a seguito della comunicazione inviata dal sindaco Da Re lo scorso 5 ottobre alla Direzione Compartimentale di Rfi, a Mestre. Sindaci e presidenti di Provincia si fanno portavoce dei molti pendolari e normali cittadini, ma anche turisti, che per motivi di lavoro e di studio utilizzano ogni giorno il treno e che risultano penalizzati eccessivamente dai continui disservizi e dai lunghi tempi di percorrenza della tratta. “Posso ricordare – afferma il sindaco vittoriese Gianantonio Da Re che il tempo medio per percorrere 71 km tra Vittorio Veneto e Venezia oggi è di circa un’ora e 30 minuti, e che solo vent’anni fa la stessa distanza veniva coperta in meno di un’ora. Tralasciando, ma non dimenticando,  il fatto che le stazioni di Vittorio Veneto e Soffratta sono sostanzialmente abbandonate, con obliteratrici e biglietteria automatica spesso fuori uso”. “Vogliamo denunciare un problema effettivo – spiega il presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro – dati alla mano, spiegheremo all’assessore Chisso le problematiche di una tratta ormai vecchia, con tempi troppo lenti di percorrenza e che causa problemi di vario tipo per pendolari e cittadini che abitualmente usano il mezzo su rotaia. Ma non dimentichiamoci dei turisti: quale servizio offriamo a chi usa il treno su una tratta che collega importanti città d’arte e luoghi d’interesse turistico?”. “Quello del trasporto ferroviario è un nodo da risolvere al più presto – commenta il presidente della Provincia di Belluno, Gianpaolo Bottacin – . Per il nostro territorio il problema si pone sul fronte del pendolarismo (in particolar modo per quanto riguarda i ragazzi delle scuole) e su quello turistico. Lungo la linea Venezia-Calalzo ci sono le stazioni dell’Alpago e di Santa Croce che rappresentano dei punti chiavi per chi viene a visitare le nostre zone, ma i due impianti delle Ferrovie sono in totale degrado”. “Ancora recentemente – ha ricordato Antonio Prade – abbiamo richiamato l’attenzione sul problema delle ferrovie. Non possiamo più tollerare che i nostri concittadini debbano affrontare quotidianamente una gimkana per andare a lavorare o studiare. Senza considerare che nella stazione di Belluno, a volte, non si può nemmeno fare il biglietto. La marginalità del nostro territorio sta anche in questa sciatteria nella quale vengono a volte lasciate le ferrovie. Io mi chiedo: dobbiamo noi adattarci ai treni o sono i treni che devono servire i cittadini?”Ma sono numerose le modifiche richieste soprattutto relative agli orari e alle fermate che allungano i tempi sull’intera tratta:
– Vittorio Veneto ore 6.43 (treno 11101) impiega 20 minuti in più rispetto allo scorso anno: ne passa 5 sostando fermo a Treviso e 8 a Mogliano;
– Venezia ore 15.26 (treno 11124) risulta inadeguato per la capienza dei posti. Impiega h 1.36 e sosta ben 16 minuti a Treviso. Si chiede un convoglio più capiente e l’arrivo a Vittorio Veneto anticipato (e non alle 17.05);
– Venezia ore 17.26 (treno 11138) ferma in stazioni già ben servite. Si chiede di eliminare le stazioni intermedie quali Mogliano, Lancenigo, Spresiano e Susegana;
– Ripristino coincidenza (per Belluno) a Conegliano con il treno n. 2834 in partenza da Venezia alle 17.04 e arrivo a Conegliano alle 17.56 (partenza per Belluno alle 18.05
Sarà anche ribadita, per i treni della tratta Venezia-Calalzo, la necessità di una maggior razionalizzazione delle fermate per ridurre i tempi di percorrenza: Susegana, Spresiano, Lancenigo, S. Trovaso, Preganziol, Mogliano, Mestre Ospedale e Marghera sono già sufficientemente servite da altri convogli e potrebbero essere ritenute superflue. Comprensibili allora le difficoltà e i disagi che lavoratori e studenti affrontano ogni giorno sottraendo tempo prezioso alla vita privata.
Gli amministratori provinciali e dei comuni di Vittorio Veneto e Belluno, da sostenitori dell’utilizzo dei mezzi pubblici, soprattutto ferroviari, ritengono quindi, e lo faranno presente all’assessore  Chisso, che solo la soluzione di tutte queste problematiche potrà favorire maggiormente l’uso dei treni. Altrimenti si rischia di ottenere l’effetto opposto.

Share
- Advertisment -

Popolari

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. De Carlo: “Strategia contro il territorio che annulla ogni forma di rappresentanza”

“La proposta di centralizzazione delle concessioni idroelettriche avanzata dal Partito Democratico fa parte di una strategia contro il territorio che punta ad annullare ogni...

Idroelettrico. Bond (FI): «Il tentativo di romanizzare le grandi concessioni è scandaloso. Mi opporrò senza se e senza ma»

«Chi vuole riproporre la centralizzazione della gestione idroelettrica fa il male della montagna. Il tentativo di espropriare i territori delle loro ricchezze, in questo...

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. Bona: “Il governo punisce la montagna”

«Si è capito che questo governo ce l'ha con le regioni e con i territori periferici. Dopo il silenzio sull'autonomia, dopo i tentativi di...

Arrestato uno straniero di Sedico. Doveva scontare la pena di 2 anni e 10 mesi per rapina e lesioni

Nella serata di ieri, venerdì 27 novembre, i carabinieri di Pieve di Cadore con il Nucleo investigativo di Belluno, hanno arrestato Burlac Michail 19enne...
Share