Wednesday, 20 November 2019 - 04:02
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

Incontri dell’Associazione atei e agnostici bellunesi

Mag 6th, 2017 | By | Category: Appuntamenti, Pausa Caffè

Proseguono in città gli appuntamenti periodici del Circolo Uaar (Unione degli atei e degli agnostici razionalisti) della Provincia di Belluno coordinati da Alessandro Stulfa (info e-mail: stulfa.it@stulfa.it Gruppo Facebook Uaar Belluno)

Alessandro Stulfa

L’Uaar è l’unica associazione nazionale che rappresenta le ragioni dei cittadini atei e agnostici. I suoi valori fondanti sono quelli della razionalità, laicismo,l’autodeterminazione, il rispetto dei diritti umani, la democrazia, il pluralismo, l’uguaglianza, la valorizzazione delle individualità, le libertà di coscienza, di espressione e di ricerca, l’acquisizione della conoscenza attraverso il metodo scientifico, il principio di pari opportunità nelle istituzioni per tutti i cittadini. Senza alcuna distinzione di sesso, identità di genere, orientamento sessuale, concezioni filosofiche o religiose, opinioni politiche,e sulle condizioni personali e sociali.
Le finalità dell’associazione sono volte innanzitutto alla tutela dei diritti civili degli atei e degli agnostici opponendosi a ogni tipo di discriminazione, giuridica e di fatto, nei loro confronti, attraverso iniziative legali e campagne di sensibilizzazione. L’Uaar, inoltre, si batte per l’affermazione concreta del supremo principio costituzionale della laicità dello Stato, delle scuole pubbliche e delle istituzioni, e per ottenere il riconoscimento della piena uguaglianza di fronte alla legge di tutti i cittadini, indipendentemente dalle loro convinzioni filosofiche e religiose.
In particolare, pretendere l’abolizione di ogni privilegio accordato, di diritto o di fatto, a qualsiasi religione, in virtù dell’uguaglianza di fronte alla legge di religioni e associazioni filosofiche non confessionali;
affermare, nel quadro di una concezione laica, razionale e areligiosa dell’esistenza, il diritto dei soggetti a compiere in autonomia le scelte relative alla sessualità e alla riproduzione, comprese quelle sulla interruzione volontaria della gravidanza; a stringere unioni familiari legalmente riconosciute, senza distinzioni di sesso, e a recedere dalle stesse; a determinarsi liberamente sulla propria fine vita; sostenere la libertà della ricerca scientifica, filosofica ed artistica; operare perché tali diritti e libertà trovino piena sanzione ed effettiva garanzia;
promuovere la valorizzazione sociale e culturale delle concezioni del mondo razionali e non religiose, con particolare riguardo alle filosofie atee e agnostiche.

Share

Comments are closed.