Wednesday, 18 September 2019 - 00:59
direttore responsabile Roberto De Nart

Bard: Adolfo Bortoluzzi lascia il direttivo del Movimento

Set 18th, 2014 | By | Category: Cronaca/Politica, Prima Pagina

adolfo bortoluzziI recenti sviluppi della politica provinciale e la presa d’atto della impossibilità di condividere alcune prese di posizione del Direttivo, incluso il defenestramento del vice presidente Silvano Martini, ma non solo, mi spingono a comunicare che ho provveduto a rassegnare le mie dimissioni dal Direttivo del Movimento BARD Belluno Autonoma Dolomiti Regione, nonché da responsabile e componente di vallata per Ponte nelle Alpi-Alpago.

Come Socio Fondatore del Movimento BARD, ho chiesto più volte la convocazione di un Congresso straordinario aperto a tutti i tesserati, al fine di ricomporre la situazione e di porre di nuovo al centro i temi dell’Autonomia, con discussione allargata alla base degli iscritti.
In mancanza di tale disponibilità, più volte sollecitata e sempre negata, non ritengo sia più per me possibile continuare il percorso di condivisione col movimento.

Auspico che il Presidente Broccon ed il Direttivo del BARD sappiano ripensare il loro approccio, a tutela della pluralità di pensiero, per il bene del Movimento, e soprattutto per i Bellunesi.

Adolfo Bortoluzzi
Socio Fondatore BARD

Ponte nelle Alpi, 18 Settembre 2014

Share

10 comments
Leave a comment »

  1. Evvai, avanti un altro. Ma fra un po’ esisterà ancora il Bard.

  2. Si certo, non sperare piddino!

  3. Fonderanno il “movimento partito” gli ex bard tutti insieme appassionatamente … Si ma con contenuti nuovi ovvio…..

  4. @NicolA. Proponi qualcosa di buono tu. Non si sa mai.

  5. tanto tuono che piovve.
    l’unica cosa per raggiungere l’autonomia era proporre una dimissione di massa dei Sindaci (ma pare che anche per la piu’ misera carega…), il Bard avrebbe dovuto farsene portavoce.
    Forse avrebbe avuto clamore a livello europeo!
    Questa era l’ iniziativa, non le vostre puttanate dove il massimo è stato fare da portaborse al goliardico Dorfmann.

  6. Caro Andrea, non sono Piddino 🙂 …….. come sempre sapete solo offendere senza prendere atto, come giustamente ha detto cleber, che avete sbagliato completamente strategia.

  7. @cleber. Hai ragione. sono anni che chiedi le dimissioni in massa dei Sindaci. Purtroppo nessuno l’ha fatto, neppure singolarmente. Questo dimostra che nessuno di essi credeva fondamentalmente nell’idea autonomista.
    Questa era l’amara constatazione cui dovevamo giungere. Una parte di noi l’ha capito ed ha posto l’attenzione solo verso i cittadini, sperando nel loro appoggio, una parte invece ha inseguito le logiche di partito. La mancanza di discussione su questo ed altri argomenti basilari ci ha portato alla fine a staccarci da questo modo di agire da prima repubblica.

  8. @Tomaso Pettazzi
    mi fa piacere il tuo commento e mi pare l’avessi anche appoggiata a suo tempo.
    L’idea era geniale nella sua banalità.
    Aggiungo che sarebbe bastato pure un SEMPLICE SONDAGGIO da girare ai primi cittadini sulla loro volontà o meno di aderire (per inoltrare una mail del genere sarebbe bastati 40-45 secondi…) anziche trovare le puttanate stile Dorfmann e farsi ridicolizzare in questa maniera dai trentini austro ungarici.

    Purtroppo speravamo tutti in un Bard “fronte nazionale” per i Bellunesi; così non è stato.

  9. Aggiungo: forse non è ancora tardi per farla.

  10. @cleber. Mai dire mai.