Tuesday, 21 May 2019 - 08:37

Alcune frazioni ancora al buio. Reolon: “Verificherò in Regione la possibilità di normare la messa in sicurezza delle reti di distribuzione”

Dic 29th, 2013 | By | Category: Cronaca/Politica, Riflettore

Mezza provincia senza corrente per quasi 48 ore e alcune frazioni non sono ancora state ripristinate. L’imprevedibilità dell’evento naturale può essere accettata ma ci sono responsabilità oggettive per la le attività di sicurezza svolte in maniera approssimativa delle reti.

“Verificherò in Regione la possibilità di rinnovamento e prevenzione che passa attraverso la pulizia del territorio di pertinenza delle delle reti di distribuzione locale – afferma Sergio Reolon, consigliere regionale del Pd – bisognerà verificare il taglio degli alberi che sia stato fatto in modo che le piante non possano cadere sui cavi elettrici, com’è successo in questo caso. E’ intollerabile che alcune frazioni siano ancora senza elettricità, c’è un ritardo insostenibile nel ripristino delle linee. , azienda pubblica, ha la responsabilità di quanto è accaduto, bisogna comunque riconoscere la tempestiva messa a disposizione di personale e mezzi. E’ necessario sollecitare il governo affinché garantisca le linee elettriche anche nelle zone disagiate e nelle stagioni invernali, facendo rispettare gli obblighi stabiliti”.

“Ringrazio i volontari che in questi giorni hanno lavorato senza sosta per il ripristino della corrente e delle strade – continua il consigliere bellunese – elettricità non vuol dire solo luce ma soprattutto riscaldamento, cosa molto più importante. Un grazie anche agli oltre trecento dipendenti Enel che nonostante le festività hanno lavorato, e continuano a farlo tutt’ora”

Share
Tags: , ,

6 comments
Leave a comment »

  1. “bisogna comunque riconoscere la tempestiva messa a disposizione di personale e mezzi”…”Un grazie anche agli oltre trecento dipendenti Enel che nonostante le festività hanno lavorato, e continuano a farlo tutt’ora”.
    Mi raccomando, profilo basso e ringraziamo tutti, non si sa mai che serva.
    Una parola per i cittadini più penalizzati (anziani, bambini, ammalati, negozianti, ecc.) ci poteva stare o no?

  2. Quando leggerò che la colpa non è degli altri, ma è solo nostra, vuol dire che siamo diventati “grandi” e siamo sulla strada giusta.

  3. @ Diego
    Buona questa. In codice, ma buona.

  4. Reolon, fa una roba giusta in tutta la tua vita, prenditi anche Bond e sparite dalla vita politica del paese. Grazie.

  5. soccorso alpino II zona dolomiti bellunesiLivinallongo del Col di Lana (BL), 29-12-13 Mentre stava lavorando su un traliccio in località Collaz, un operaio dell’Enel è stato folgorato da una scarica di elettricità, rimanendo privo di sensi. Il collega, in preda all’agitazione, ha lanciato l’allarme al 118. Nell’immediato, dalle indicazioni poco chiare sul luogo dell’incidente, l’ambulanza e una squadra del Soccorso alpino di Livinallongo si sono dirette in una località diversa, indirizzate subito dopo dall’elicottero del Suem di Pieve di Cadore che, dalla ricognizione era riuscito ad individuare il punto esatto in cui si trovava l’operaio, L.B., 33 anni. Sbarcato il medico, l’eliambulanza è dovuta decollare immediatamente per lo scoppio improvviso di una bufera di neve, mentre sopraggiungevano ambulanza e soccorritori. L’operaio, che aveva fortunatamente ripreso conoscenza, dopo le prime cure è stato trasportato all’ospedale di Belluno per i controlli del caso.

  6. […] Tra la fauna politica che galleggia a queste latitudini, oltre ai peones parlamentari già tirati in ballo, vi sono i tre moschettieri che siedono alla corte regionale (talvolta chiamati pidocchieri). Tra essi quello piddimenoellino, tale Reolon, ha nuovamente perso l’occasione per starsene zitto. In relazione agli eventi legati alla tempesta di Natale, infatti, il consigliere ha affermato: […]